Gigi Bici andò a Calignano per restituirle la pistola La donna furibonda afferrò l'arma e lo uccise

Gigi Bici andò a Calignano per restituirle la pistola La donna furibonda afferrò l'arma e lo uccise
La Provincia Pavese INTERNO

Gigi Bici è stato ucciso perché non voleva fare del male a nessuno.

Una retromarcia, rispetto all’impegno che aveva preso con Barbara Pasetti, che la donna ha vissuto come un tradimento.

Così quando la mattina dell’8 novembre l’uomo si è presentato a casa sua, con la sua Polo bianca, per dirle che non voleva più prendere parte al piano criminale di aggredire o uccidere l’ex marito Gian Anfrea Toffano e per restituire l’arma, lei è esplosa

(La Provincia Pavese)

Ne parlano anche altri media

Secondo la Procura che, dopo l’ordinanza di custodia cautelare per tentata estorsione, ha accusato la fisioterapista 40enne anche di omicidio aggravato, il delitto è avvenuto nel cortile della tenuta di Calignano. (IL GIORNO)

Un colpo di pistola a bruciapelo perchè lui si rifiutava di sparare all’ex marito di lei. A uccidere il commerciante di biciclette Luigi Criscuolo, secondo la procura, è stata Barbara Pasetti, la fisioterapista di 40 anni di Calignano, frazione di Cura, già in carcere dal 20 gennaio per questa vicenda ma per la sola accusa di tentata estorsione (La Provincia Pavese)

Delitto Criscuolo, l'ex marito di Pasetti: «Mi sento sopravvissuto ma provo anche pietà per la vittima del delitto»

I tentativi di estorsione. Dopo la morte, la donna avrebbe tentato di estorcere del denaro alle figlie di Criscuolo. (Fanpage.it)

Gian Andrea Toffano, l’ex marito di Barbara Pasetti, con la notizia della seconda ordinanza per Pasetti ha avuto la conferma dei suoi sospetti, raccontati agli investigatori durante le indagini di questi mesi: «Criscuolo era stato ingaggiato per eliminarmi e gli era stata fornita anche un’arma da Barbara (La Provincia Pavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr