Authority in pressing sulla guerra Generali

Authority in pressing sulla guerra Generali
il Giornale ECONOMIA

«La mossa di Caltagirone evidenzia la durezza dei toni raggiunti nello scontro in atto su Generali che, a sua volta, implica incertezza per il gruppo», commentano gli analisti di Intesa Sanpaolo.

Il cda di Generali si confronterà sullo strappo di Caltagirone nel vertice fissato il 18 gennaio.

L'Authority era stata chiamata in precedenza dallo stesso imprenditore romano a intervenire su alcuni punti della vicenda, ancora irrisolti, e ad approfondire alcuni aspetti di governance. (il Giornale)

Su altre testate

TUTTI I PERCHE’ DELLA MOSSA FURBETTA DI CALTAGIRONE IN GENERALI COSA E’ SUCCESSO IN BORSA AL TITOLO GENERALI DOPO LE DIMISSIONI DI CALTAGIRONE. Uno scenario di incertezza che preoccupa il mercato, come detto, dove il titolo Generali a meta’ seduta arretra dell’1% circa a 18,5350 euro per azione. (Startmag Web magazine)

Ascolta la versione audio dell'articolo. 3' di lettura. Si alza il livello dello scontro in Generali: nel mirino dei soci privati, dopo l’assetto di vertice e il piano industriale, è finita anche la governance, nel senso più ampio del termine. (Il Sole 24 ORE)

(Stefano Bernabei, in redazione a Milano Andrea Mandalà) Caltagirone. (Investing.com)

Senza carica in cda Caltagirone ora ha le mani libere contro Generali

Così Caltagirone prepara l'assalto finale a Generali e alza la pressione sulla Consob di Andrea Greco. A tre mesi dalla scadenza naturale del cda della compagnia l'imprenditore si smarca da ogni possibile accusa di "concerto" con i rivali di Mediobanca, in vista del testa a testa assembleare di fine aprile. (La Repubblica)

“La grande Generali, lo strappo di Caltagirone e i sei personaggi in cerca d’identità”. Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti Bisogna ricordare che, direttamente o attraverso società a lui riconducibili, Caltagirone detiene una quota del capitale sociale di Assicurazioni Generali pari all’8,04%. (Forbes Italia)

Con le dimissioni l’editore alleato di Leonardo Del Vecchio e Crt rilancia la sfida a Mediobanca. Primo obiettivo il cambio dell’ad Philippe Donnet.Francesco Gaetano Caltagirone si libera le mani per avviare la battaglia di Trieste sulle Generali insieme a Leonardo Del Vecchio e Fondazione Crt contr (La Verità)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr