Maltempo sulle Alpi: stanno bene i ragazzi in vacanza del Collegio Rotondi di Gorla Minore

Maltempo sulle Alpi: stanno bene i ragazzi in vacanza del Collegio Rotondi di Gorla Minore
LegnanoNews.com INTERNO

L’acqua ha raggiunto la zona della cappella, prontamente aspirata dalle pompe dei vigili del fuoco che ringraziamo per il prezioso aiuto».

Il maltempo ha colpito questa sera diverse aree delle Alpi, in particolare in Trentino e in Valle d’Aosta.

In Val di Fassa un centinaio di persone sono state allontanate da alberghi e case per una serie di smottamenti e frane causati da forti piogge a Vigo di Fassa e Campestrin. (LegnanoNews.com)

Su altre testate

I pompieri comunicano che al momento nelle varie frane ed alluvioni non sono coinvolte persone. Le persone evacuate trascorreranno la notte nel Centro della Protezione civile e nelle palestre. (La Stampa)

l’emergenza. Ondata di maltempo si abbatte sul Trentino. Sotto osservazione una serie di situazioni – comunica la Provincia autonoma di Trento – in particolare l’ingrossamento di alcuni corsi d’acqua che hanno causato smottamenti e erosione di argini. (Corriere della Calabria)

Colata di fango in Val di Fassa, un centinaio di evacuati. Si contano i danni in Val di Fassa dopo il forte nubifragio della serata di venerdì. Intrappolate nel fango anche diverse auto. (La Stampa)

Maltempo: già disposto il rientro a casa dei primi evacuati

Le prime perizie hanno consentito ai tecnici della protezione civile provinciale di disporre il rientro a casa dei primi evacuati, allontanati dalle proprie abitazione a titolo precauzionale dopo il violento nubifragio che ieri sera (5 agosto) ha colpito la Val di Fassa. (Trentino)

Milano, 6 ago. (askanews) – Una serie di violenti nubifragi si sono abbattuti nel tardo pomeriggio di ieri in particolare sul Trentino Alto Adige facendo esondare torrenti e causando smottamenti, frane e colate di fango che hanno isolato alcune frazioni e interrotto diverse strade. (Agenzia askanews)

Sul fronte della viabilità, si sta lavorando per consentire la riapertura della statale all’altezza di Mazzin di Fassa e di Fontanazzo Si tratta di più di una quarantina di persone, quasi la totalità del gruppo che era stato evacuato nella zona di Pera di Fassa a causa di un masso instabile. (Ufficio Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr