Fondi pensione, il piatto piange meglio il Tfr degli obbligazionari

la Repubblica ECONOMIA

Sfogliando però i dati dell'annuale Relazione Covip presentata giorni fa dal presidente Mario Padula vien da pensare che questo termine, nel caso della previdenza integrativa, non risulti appropriato, almeno guardando i risultati.

Nel vocabolario si definisce come "tutelato da garanzie".

"Garantito".

I fondi pensione negoziali del comparto "garantito", infatti, dove finiscono di default i contributi dei lavoratori dipendenti che non hanno effettuato una scelta, hanno superato negli ultimi dieci anni a malapena - in media - il rendimento del Tfr, che è stato pari all'1,9% annuo

(la Repubblica)

Su altre testate

Fondi pensione, crescono le adesioni ma i mercati erodono i rendimenti. (la Repubblica)

E sancire una volta per tutte la soglia di contribuzione necessaria, i 41 anni, per lasciare il posto RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI DURIGON. Claudio Durigon ricorda che in tema di riforma delle pensioni la richiesta della Lega “è la stessa fatta in sede di superamento della Quota 100. (Il Sussidiario.net)

L’incremento si riscontra in tutte le forme pensionistiche, con variazioni tendenziali che vanno dal 3,4 per cento dei fondi negoziali, al 4,4 dei PIP fino al 9,3 per cento dei fondi aperti. Nei fondi negoziali, l’attivo netto è di 63,7 miliardi di euro, il 2,5 per cento in meno. (ilmessaggero.it)

Fondi negoziali, fondi aperti e Pip nuovi hanno incassato 3,4 miliardi: circa 150 milioni in più (+4,8%) del corrispondente periodo del 2021. Con un -3,4% per i fondi negoziali, -3,6% per i Fondi aperti e -3,5% nei Piani individuali pensionistici (Pip) di ramo III. (Il Sole 24 ORE)

Infatti, propone un assegno pensionistico a chi ha versato 41 anni di contributi. Per quanto riguarda l’impatto sulle finanze pubbliche, secondo Durigon, quota 41 non è invasiva sulle casse dello Stato (InformazioneOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr