Governi che spiano i cellulari di giornalisti e attivisti

Governi che spiano i cellulari di giornalisti e attivisti
Corriere del Ticino INTERNO

L’indagine, alla quale ha partecipato anche il «Guardian», rivela che giornalisti e attivisti sono finiti del mirino di governi «autoritari».

Il software, venduto dall’israeliana NSO Group e chiamato Pegasus, è nato per consentire ai governi di seguire terroristi e criminali.

È quanto emerge dai leak di un’indagine condotta dal «Washington Post» e altre 16 testate internazionali.

Diversi governi «autoritari» hanno usato un software israeliano per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. (Corriere del Ticino)

Ne parlano anche altre testate

E dalle carte emergerebbe che nel mirino siano finite anche persone vicine a Jamal Khashoggi, il reporter saudita ucciso Tra i governi che l'hanno usato per spiare ci sarebbe scrive il Wp anche quello di Victor Orban. (RagusaNews)

Nella lista, ci sono oltre 50 mila numeri di telefono, di interesse per i clienti della Nso dal 2016. L’inchiesta, scrive il quotidiano britannico, indica il continuo e diffuso abuso nell’uso dell’ormai famigerato Pegasus, che la compagnia Nso sostiene venga fornito solo a forze dell’ordine e agenzie di intelligence con lo scopo di combattere il crimine. (Metro)

Cosa è Pegasus. Pegasus è un malware capace d’infettare iPhone e Android da cui è in grado di estrarre messaggi, foto ed email, come anche registrare chiamate e attivare microfoni. Al momento, le analisi della scientifica su una piccola parte dei numeri che compaiono nel mega leak, rivelano che oltre la metà riporta tracce di Pegasus. (EOS Sistemi avanzati scrl)

Cellulari di premier, capi di stato e giornalisti di mezzo pianeta spiati da governi “autoritari”: c’è anche l’Ungheria di Orban

agenzia Media Usa: "Cellulari di attivisti e reporter spiati da governi autoritari". Diversi governi "utoritari" hanno usato un software israeliano per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. (Notizie - MSN Italia)

ROMA – Giornalisti e attivisti spiati dai governi. Tra gli altri governi accusati di aver spiato questi politici, attivisti e giornalisti anche Azerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, India ed Emirati Arabi Uniti. (News Mondo)

Più di 10.000 numeri in paesi europei sono stati selezionati dai clienti di NSO, si legge nell'inchiesta Centinaia di giornalisti, manager e attivisti dei diritti umani nel mondo sono finiti nel mirino di governi «autoritari» che hanno usato il software Pegasus, dell'israeliana NSO Group, per spiarli illegalmente. (La Provincia Pavese)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr