Guerra Ucraina, cosa ha detto Draghi al Senato: “Le sanzioni funzionano”

Guerra Ucraina, cosa ha detto Draghi al Senato: “Le sanzioni funzionano”
Money.it INTERNO

Prima dell’intervento del capo del governo, i partiti che lo sostengono non sono stati capaci di consegnare una risoluzione in merito alla questione Ucraina.

Mario Draghi ha parlato al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo ma la sua maggioranza è nel caos.

Questa è la guida della nostra azione - ha poi concluso Mario Draghi - L’Italia continuerà a lavorare con l’Ue e i partner G7 per sostenere l’Ucraina”

Il governo italiano è stato tra i primi a sostenere questa posizione in Europa e in Occidente: continueremo a farlo in ogni consesso internazionale, a partire dal prossimo Consiglio europeo. (Money.it)

Su altri giornali

Mercoledì 22 giugno 2022 - 11:49. Draghi: cerchiamo la pace ma per ora le posizioni sono inconciliabili. "La Russia continua la guerra per avere posizioni di vantaggio". CONDIVIDI SU:. . . . . . . . . . (Agenzia askanews)

Il nostro sostegno a favore di Kiev è anche un impegno alla ricostruzione del Paese": lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nelle. "Oggi spetta a tutti noi aiutare l'Ucraina a rinascere", ha auspicato il presidente del Consiglio (Il Sole 24 ORE)

Il discorso alla Camera vedi anche Draghi: "Italia vuole Kiev nell'Ue". Approvata risoluzione maggioranza Il premier ha deciso di ripercorre in sostanza il discorso fatto ieri pomeriggio al Senato. (Sky Tg24 )

Ucraina, Draghi: aperti canali dialogo per cercare la pace

"Oggi spetta a tutti noi aiutare l'Ucraina a rinascere", ha auspicato il presidente del Consiglio "Il Consiglio europeo straordinario del 30-31 maggio ha discusso di questo e le conclusioni del prossimo consiglio riaffermeranno questo impegno. (Tiscali Notizie)

Il tempo ha rivelato che queste misure sono sempre più efficaci. Ma i nostri canali di dialogo restano aperti, non smetteremo di cercare la pace", le parole di Draghi nel corso dell'informativa al Senato. (ilmattino.it)

(askanews) - "I nostri canali di dialogo rimangono aperti: non smetteremo di sostenere la diplomazia e di cercare la pace, che sarà quella che vuole l'Ucraina". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, nelle comunicazioni in Senato in vista del Consiglio europeo del 23 e 24 giugno. (Tiscali Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr