Borsa: Europa parte in calo su dati Cina e attesa stime Eurozona, -0,3% Milano - Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Dollaro/yuan ai massimi dall'autunno 2020 dopo i dati cinesi a 6,799

In calo i prezzi del gas naturale in Europa a 94,2 euro al megawattora (-2,7%) nel contratto giugno.

In Cina la produzione industriale si e' contratta del 2,9% rispetto a un anno fa, le vendite al dettaglio addirittura dell'11,1%.

A Piazza Affari scatta Interpump (+4%) dopo i conti del primo trimestre: Equita ha alzato la raccomandazione a "Buy". (Il Sole 24 ORE)

Ne parlano anche altri media

- MILANO, 16 MAG - Le Borse europee avviano la seduta in calo con gli investitori che attendono le previsioni economiche di primavera della Commissione Europea. Gli investitori guardano alle prossime mosse delle banche centrali sul fronte dei tassi d'interesse con l'inflazione che non arresta la sua corsa e i prezzi delle materie prime che restano sempre alti. (Tiscali Notizie)

Milano contiene le perdite (-0,3%) mentre Francoforte, Londra e Parigi accumulano perdite vicine al punto percentuale. DELUDONO I DATI CINESI. Dalla Cina arrivano dati deludenti sull’economia, rallentata dai lockdown imposti dal governo negli ultimi due mesi per fermare sul nascere i nuovi focolai di Covid-19. (Investing.com Italia)

La francese CASINO avanza del 4,1% dopo aver avviato il processo di vendita della propria unità di energia rinnovabile GreenYellow Alle 10,20, l'indice paneuropeo perde lo 0,3% dopo aver registrato venerdì scorso il primo rialzo settimanale dopo cinque settimane di ribassi. (Investing.com Italia)

Nel mercato obbligazionario, la domanda chiave è se le preoccupazioni economiche possono aiutare ad arginare il selloff dei Treasury statunitensi del 2022, dopo che il titolo la scorsa settimana ha superato il 3,1% di rendimento. (Investing.com Italia)

Nelle prime battute in Europa, Milano sale dello 0,7% con gli energetici e i finanziari bene intonati. In giornata, gli investitori guardano con attenzione alle vendite al dettaglio Usa e ad alcuni interventi di governatori Fed. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr