"A Modena nudi, ammanettati e picchiati". La lettera di un detenuto alla ministra Cartabia

A Modena nudi, ammanettati e picchiati. La lettera di un detenuto alla ministra Cartabia
AGI - Agenzia Italia INTERNO

"Picchiati da ammanettati e senza scarpe". C.C. è stato sentito come persona informata sui fatti nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Modena dopo avere presentato un esposto il 20 novembre del 2020.

È un passaggio di una lettera scritta da C.C., che si qualifica come uno dei reclusi nel carcere di Modena durante la rivolta dell'8 marzo 2020, alla ministra della Giustizia Marta Cartabia.

“Si parla spesso di giusta giustizia e di giustizia garantista – si conclude la lettera a Cartabia -

Il pestaggio avvenne in uno stanzone dopo che tutti ci eravamo consegnati, dopo che eravamo stati ammanettati e privati delle scarpe”. (AGI - Agenzia Italia)

Su altri media

Sono stati assistiti dagli avvocati Carlo De Stavola, Vitale Stefanelli e Elisabetta Carfora. – Violenze nel carcere, il riesame decide per altri indagati. (CasertaCE)

Il sistema va riformato” dalla nostra inviata Conchita Sannino 14 Luglio 2021 dalla nostra inviata Conchita Sannino. Quelle violenze, dice Cartabia, "sono una ferita gravissima alla dignità della persona, pietra angolare della nostra Costituzione (la Repubblica)

"Botte e minacce a detenuto", no a misure per sei agenti penitenziari

Un quadro rispetto al quale la dottoressa Tillo avrebbe voluto l'applicazione di misure interdittive, respinte però dal Gip Attenzione puntata, infine, sulla relazione nella quale era stato descritto l'episodio del 26 aprile, di cui sarebbe stata fornita, a detta del Pm, una falsa rappresentazione. (Ottopagine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr