Gratteri: "Dico quello che penso e non piace al potere. A Draghi avrei da dire tante cose. Passano gli anni e discutiamo delle stesse cose"

Gratteri: Dico quello che penso e non piace al potere. A Draghi avrei da dire tante cose. Passano gli anni e discutiamo delle stesse cose
La7 INTERNO

(LaPresse) - L'annuncio era arrivato una settimana fa, oggi è uscita 'We are the people', inno ufficiale degli Europei di calcio al via l'11 giugno in dodici città del Vecchio Continente, firmato da Martin Garrix insieme a Bono e The Edge degli U2.

"E' stato incredibile lavorare con loro, la musica e il calcio uniscono la gente", ha affermato Garrix, presentando 'We are the people'

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Se ne è parlato anche su altri media

Nicola Gratteri senza peli sulla lingua, come sempre, irrompe nella trasmissione Otto e Mezzo, condotta da Lilli Gruber. Sotto la lente, nuovamente, anche il tema della giustizia: “La riforma della ministra Cartabia -ha detto Gratteri – non mi pare che centri i problemi e le criticità del sistema giustizia. (Zoom24.it)

Così il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri su La7. Così il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. (Il Lametino)

A seguire, lunedì 14 giugno la presentazione del libro del procuratore Nicola Gratteri e di Antonio Nicaso “Non chiamateli eroi”, un’avvincente storia sulle vittime della criminalità organizzata per ragazzi e non solo. (Zoom24.it)

Otto e Mezzo, Nicola Gratteri sulle carceri piene di immigrati: "Non sanno come vivere e quindi commettono reati"

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Sotto la lente una serie di omicidi oggetto dei processi Scacco Matto e Kyterion per cui Grande Aracri è stato condannato in via definitiva all’ergastolo. Ma il clou Grande Aracri lo raggiunge quando sostiene che suo fratello Ernesto avrebbe trasportato personalmente il cadavere di Macrì su un camion «incredibilmente inconsapevole della sua presenza nel carrellone» (Quotidiano del Sud)

Nel salotto di La7 da Lilli Gruber la toga svela la ben nota emergenza italiana: le carceri piene. Dello stesso parere Mieli che ricorda come i trojan in grado di captare le intercettazioni fossero solo per lui. (Liberoquotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr