Vaccini: evitati in Europa 470mila morti, 22mila solo in Italia

Vaccini: evitati in Europa 470mila morti, 22mila solo in Italia
Altri dettagli:
La Stampa INTERNO

«Questi studi sono importanti perché rilevano come le persone vaccinate abbiano un rischio molto più basso di avere conseguenze gravi dall'infezione - afferma il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro -.

Lo studio OMS, che si riferisce al periodo da gennaio a novembre 2021, rileva come la vaccinazione abbia evitato il 51% delle morti attese nella regione Europea tra i soggetti di età maggiore di 60 anni nei primi 11 mesi di campagna vaccinale. (La Stampa)

Su altri giornali

Sia lo studio Oms che quello Iss hanno stimato una percentuale di decessi evitati rispetto al totale poco inferiore al 40%. E' l'Istituto superiore di sanità a riassumere i numeri principali che dimostrano l'impatto positivo dei vaccini anti Covid sia nel nostro Paese che nel continente europeo. (Adnkronos)

I paesi con tassi di vaccinazione inferiori devono continuare a dare priorità a coloro che sono a più alto rischio e proteggere i gruppi vulnerabili il più rapidamente possibile".Da dicembre 2019 sono stati registrati oltre 1,5 milioni di decessi da Sars-CoV-2 nei paesi Oms Europa, con il 90,2% in quelli di età pari o superiore a 60 anni (Rai News)

Covid, lo studio Iss: i vaccini hanno evitato oltre 22mila morti e 445mila contagi in Italia tra gennaio e…

Sia lo studio Oms che quello Iss hanno stimato una percentuale di decessi evitati rispetto al totale poco inferiore al 40% È l'Istituto superiore di sanità (Iss) a riassumere i numeri principali che dimostrano l'impatto positivo dei vaccini anti Covid sia nel nostro Paese che nel continente europeo. (Il Mattino)

Lo studio Oms rileva inoltre come la vaccinazione abbia evitato il 51% delle morti attese nella regione Europea tra i soggetti di età maggiore di 60 anni nei primi 11 mesi di campagna vaccinale. I dati sull’impatto positivo del vaccino emergono dal nuovo studio dell’Istituto superiore di sanità (Iss), pubblicato oggi dalla rivista Eurosurveillance. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr