Indagine di 17 testate: "Cellulari attivisti e giornalisti spiati da governi autoritari"

Indagine di 17 testate: Cellulari attivisti e giornalisti spiati da governi autoritari
Sky Tg24 INTERNO

I numeri spiati Fra i numeri identificati finora dall'inchiesta ci sarebbero quelli di diversi capi di stato e premier

Avete fatto la stessa domanda ai governi degli Stati Uniti, del Regno Unito, della Germania o della Francia?”.

Emergerebbe che la tecnologia sarebbe stata usata anche dal governo ungherese di Victor Orban nell'ambito della sua guerra ai media.

I telefoni sarebbero stati spiati con il software Pegasus dell'israeliana NSO Group. (Sky Tg24 )

La notizia riportata su altri giornali

Diversi governi ‘autoritari’ hanno usato un software israeliano per spiare i cellulari di giornalisti, attivisti e manager nel mondo. Tra i governi che l’hanno usato per spiare ci sarebbe - scrive il Wp - anche quello di Victor Orban. (L'HuffPost)

Usato in Medio Oriente e anche in Europa. Il software israeliano sarebbe stato usato dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per prendere di mira i cellulari di alcune persone vicine a Jamal Kashoggi, il giornalista ucciso del “Washington Post” L’indagine, alla quale ha partecipato anche il “Guardian”, rivela che giornalisti e attivisti sono finiti del mirino di governi “autoritari”. (Ticinonews.ch)

La lista non indentifica chi ha ha deciso l’inserimento dei numeri di telefono o perché e non è chiaro neanche quanti siano stati i cellulari presi nel mirino o spiati Il software, venduto dall’israeliana Nso Group e chiamato Pegasus, è nato per consentire ai governi di seguire terroristi e criminali. (Quotidiano.net)

Migliaia di attivisti e giornalisti venivano controllati dai governi autoritari

Comprendono un elenco di 50mila numeri di telefono che sarebbero stati "acquisiti" tramite Pegasus. I governi ritenuti clienti di NSO Group sono almeno 10: Azerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, Ungheria, India ed Emirati Arabi Uniti. (Ticinonline)

L'indagine, alla quale ha partecipato anche il Guardian, rivela che giornalisti e attivisti sono finiti del mirino di governi 'autoritari'. Indagine condotta da Washington Post e altre 16 testate internazionali Media, cellulari di reporter e attivisti spiati da governi con il software Pegasus Tra i governi che l'hanno usato per spiare ci sarebbe - scrive il Wp - anche quello di Victor Orban. (Rai News)

Parliamo di attivisti per i diritti umani, giornalisti, avvocati e manager di tutto il mondo sorvegliati da governi autoritari che utilizzano software di hacking venduti dalla società di sorveglianza israeliana Nso Group Migliaia di attivisti e giornalisti venivano controllati dai governi autoritari I cellulari di migliaia di attivisti per i diritti umani, giornalisti, avvocati e manager di tutto il mondo venivano tenuti sotto controllo da governi autoritari. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr