Primo maggio e censure, una storia che si ripete

Primo maggio e censure, una storia che si ripete
Corriere del Ticino CULTURA E SPETTACOLO

L’unico a rimanere fermo sulla sua posizione è Rivera la cui carriera di sicuro non ha beneficiato di questo incidente.

I Litfiba erano all’apice del successo: nel backstage, durante un’intervista con Mollica, il frontman Piero Pelù mise un preservativo sul microfono, provocando la reazione imbarazzata e irritata del giornalista.

Al loro debutto al Primo Maggio, gli Stato Sociale si sono dovuti misurare con le regole della Fascia Protetta, dunque niente parolacce

«Il caso Fedez» è solo l’ultimo capitolo di una lunga storia di vicende polemiche che accompagnano il Concertone del Primo Maggio a Roma fin dalle sue prime edizioni. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr