Evergrande crolla in borsa. Il Governo cinese pronto ad intervenire

Nicola Porro ECONOMIA

Evergrande, un tempo lo sviluppatore più venduto in Cina, è alle prese con oltre 300 miliardi di dollari di passività.

Dimensioni testo Piccolo. Normale. Grande. Torna la pressione su China Evergrande, i cui titoli perdono il 12% al minimo rispetto agli ultimi 11 anni.

Un crollo potrebbe inviare onde d’urto nel settore immobiliare del paese e oltre.

Inviato, inoltre, un pool ispettivo nelle sedi dello sviluppatore su richiesta di Evergrande per supervisionare la gestione del rischio, rafforzare i controlli interni e mantenere le normali operazioni

Il governo della provincia del Guangdong, dove ha sede la società, ha convocato il presidente di Evergrande Hui Ka Yan. (Nicola Porro)

Ne parlano anche altri giornali

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Stefano Bernabei) (Investing.com)

Evergrande sotto tutela. Secondo Bloomberg deve ancora rimborsare 82,5 milioni di dollari e potrebbe non essere in grado di farvi fronte. (L'HuffPost)

In Cina torna la paura della crisi immobiliare con Evergrande che ha avvisato della incapacità probabile a pagare i debiti. Intanto, Omicron, inflazione e mosse delle banche centrali restano in primo piano. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr