Archeologia, in fondo al Tevere a visibilità zero: così i carabinieri subacquei scoprono colonne romane

Corriere della Sera INTERNO

Sul fondo la visibilità è pari a zero, quindi la scoperta è avvenuta con il solo tatto.

Tre grandi fusti di colonne in marmo: pur parzialmente interrate nel letto e nell’argine de Tevere, s’intuisce che superano il metro di diametro e i due metri e mezzo di lunghezza.

È l’ultima scoperta del Nucleo carabinieri subacquei di Roma, che sono partiti dalla foce del Tevere e hanno risalito il corso della Fossa Traiana, il canale di Fiumicino realizzato dagli architetti dell’impero. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altri giornali

È la prima campagna portata a termine da Alessandra Ghelli, neo responsabile del servizio Tutela del patrimonio subacqueo, appena istituito dal parco archeologico di Ostia antica, e dal nucleo carabinieri subacquei di Roma e con i colleghi addetti al patrimonio culturale di Roma: individuati nelle acque del Tevere, alla profondità di cinque metri, tre grandi fusti di colonne in marmo. (Corriere della Sera)

Archeologia, scoperte in fondo al Tevere tre colonne romane
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr