Asseverazioni e visto di conformità per Superbonus e altri bonus edilizi: ecco le linee guida sul DL Antifrodi

ingenio-web.it ECONOMIA

L’obbligo di apposizione del visto di conformità e dell’attestazione della congruità delle spese si applica alle comunicazioni trasmesse in via telematica all’Agenzia delle Entrate a partire dal 12 novembre 2021

Altri bonus edilizi (Eco, Sisma, Facciate, Ristrutturazioni) e SAL: circoletto rosso. Per tutti gli altri bonus diversi dal Superbonus, la nuova attestazione è necessaria solo in caso di cessione del credito o di sconto in fattura. (ingenio-web.it)

La notizia riportata su altre testate

L’asseverazione congruità prezzi anche per gli altri bonus casa. Per comprendere la portata di ciò di cui stiamo parlando, dobbiamo in primis ricordare che, al fine di contrastare le frodi nel campo delle agevolazioni fiscali legate ai bonus per lavori edili sugli immobili, il legislatore, con il decreto – legge n. (Investire Oggi)

Anche nel caso dei Bonus diversi dal Superbonus vale la data del 12 novembre come ambito di applicazione temporale. L’Agenzia delle Entrate ha emanato una Circolare, la numero 16/E, fornendo indicazioni sul Decreto-legge n. (LeggiOggi.it - Tutto su fisco, welfare, pensioni, lavoro e concorsi)

16/E del 29 novembre 2021 Misure urgenti per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche – Decreto-legge 11 novembre 2021, n. 157 I chiarimenti delle Entrate. (Money.it)

In materia di Superbonus, una novità riguarda il visto di conformità sui dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti dell’agevolazione. Leggi anche: “Decreto-legge anti-frodi bonus edilizi: online le FAQ dell'AdE sul nuovo obbligo del visto di conformità e dell’asseverazione” (CASA&CLIMA.com)

Ma anche uno Shopper Operations Manager, Back End Engineer | Retail, Senior Product Manager | Retail & Catalogue e un Data Scientist – Product Analyst | Demand. E poi ancora un Senior Product Manager | Customer Acquisition & Growth, Data Scientist – Product Analyst | Operations, Senior Growth Project Manager ed un English Content Localization Manager (Informazione Oggi)

Deve trattarsi di comunicazioni che presentano profili di rischio utilizzabili dall’Agenzia delle entrate ai fini del relativo controllo preventivo. Infine, il comma 5 dell’articolo 122-bis del Decreto rilancio rinvia ad un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, in corso di emanazione, la definizione dei criteri, delle modalità e dei termini per l’attuazione dei predetti controlli preventivi. (Fiscoetasse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr