Covid Umbria, ecco da dove provengono i campioni con varianti. Il paziente zero e le località più colpite

Covid Umbria, ecco da dove provengono i campioni con varianti. Il paziente zero e le località più colpite
Umbriadomani INTERNO

Resta molto forte il problema “varianti” con i campioni inviati all’Istituto superiore di sanità.

Per i 21 della variante inglese, invece, abbiamo ” 9 dal laboratorio di Perugia, 7 da Città di Castello e 1 da Spoleto”.

E’ chiaro che si parla di dati ancora parziali in attesa di sapere l’esito degli ulteriori 114 campioni inviati all’Istituto superiore di sanità.

Dei 77 sequenziati, 41 hanno evidenziato la variante brasiliana mentre 21 quella inglese. (Umbriadomani)

Se ne è parlato anche su altre testate

“Era arrivato in ospedale in condizione gravissime - ricorda il professor Bruno che insieme alla sua équipe e a quella di Rianimazione lo ha curato -. Il professor Raffaele Bruno è il direttore del reparto di Malattie infettive del Policlinico San Matteo di Pavia. (RSI.ch Informazione)

È il 21 febbraio 2020. Mattia Maestri, 38 anni, sportivo, manager, da qualche giorno ricoverato in ospedale, è il primo paziente italiano positivo al coronavirus. Il Comune di Codogno chiude bar e ristoranti e in meno di 72 ore viene isolata, l’Esercito la circonda e viene dichiarata la prima zona rossa in Italia. (LaC news24)

Una situazione incresciosa che ha costretto i sanitari della struttura privata ad allestire in fretta e furia aree depressurizzate prima del trasferimento dei contagiati all’ospedale. Dal centrosinistra sono infatti state mosse critiche al silenzio tenuto dal comitato di fronte alla vicenda di questi nuovi contagi e di una eccessiva indulgenza nei confronti della gestione Acquaroli - Saltamartini (Corriere Adriatico)

Mattia, paziente 1, un anno dopo: "Riconoscente ai medici, ma voglio solo vivere e dimenticare"

Il giorno successivo viene istituita la zona rossa per 10 comuni del Lodigiano e per Vo' Euganeo Il 21 febbraio si scopre anche un focolaio a Vo' Euganeo e si registra il primo morto a Padova. (Tiscali.it)

La richiesta era arrivata dalla federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche ed è stata rivolta a tutti gli iscritti con l’obiettivo di ricordare tutti gli infermieri che hanno perso la vita a causa del Covid. (anteprima24.it)

Per lui, sottolinea nel colloquio col quotidiano di via Solferino, è importante specificare che “sono la prima persona in Italia a cui il Covid è stato diagnosticato Ma l’unico mio desiderio è tornare una volta per tutte alla mia vita normale”. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr