Incantevole Sharon Stone. Il suo red carpet floreale (firmato Dolce e Gabbana) conquista Cannes

Incantevole Sharon Stone. Il suo red carpet floreale (firmato Dolce e Gabbana) conquista Cannes
L'HuffPost CULTURA E SPETTACOLO

Sharon Stone con un fantastico abito a fiori, con la sua presenza carismatica, fa il tappeto rosso e subito conquista il festival di Cannes.

La Stone è al festival perché venerdì 16 luglio sarà la superstar dell’annuale gala amfAR, il charity benefico dei fondi per la ricerca sull’Aids, da sempre momento clou di Cannes.

La Stone ha visto La storia di mia moglie della regista ungherese Ildiko Enyedi, in concorso per la Palma d’oro, presenti il protagonista Josef Hader, Louis Garrel e il nostro Sergio Rubini

L’attrice, con l’iconico taglio a spazzola, ha impreziosito l’outfit con un paio di orecchini Haute Joaillerie Chopard. (L'HuffPost)

La notizia riportata su altri media

Sharon Stone 63 anni, con un fantastico abito a fiori, con la sua presenza carismatica, fa il tappeto rosso e subito conquista il festival di Cannes. Sharon Stone ha già vinto il red carpet di Cannes 2021 con questo magnifico abito indossato egregiamente (RagusaNews)

Il fu abito da red carpet è tornato, una lunga onda azzurra, una primavera di Botticelli in una notte di mezza estate. Sharon Stone sul red carpet di A Felesegam Tortenete – The Story Of My Wife film diretto da Ildikó Enyed, con un abito Dolce & Gabbana della collezione Alta Moda 2020. (Elle)

Cannes, abito da favola e capelli ribelli: Sharon Stone incanta la Croisette

A 63 anni porta con se una classe innata e una disinvoltura tipica di una vera diva che sa come attirare l’attenzione di tutti. Dopo giorni di red carpet belli ma poveri di quell’effetto spettacolare, arriva Sharon Stone e mostra a tutti come si fa. (Yeslife)

Sharon Stone ha così rubato la scena in occasione della première del film 'The Story of My Wife', in cui recita Lea Seydoux, assente dal Festival perché positiva al Covid. Un evento caro a Sharon Stone, che è figura di spicco dell'associazione dagli anni Novanta, quando perse l'amico e insegnante di recitazione Roy London proprio a causa della malattia. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr