Wall Street apre in rosso. Restano sotto pressione i titoli tecnologici

Milano Finanza ECONOMIA

Partenza al ribasso per gli indici di Wall Street, in una giornata in cui il focus degli investitori sarà incentrato sull'avvio della stagione delle grandi trimestrali tech, inaugurata dai deludenti risultati di Netflix.

Il Nasdaq rimane per l'appunto la cartina tornasole di un momento di elevatissima incertezza nei mercati, soprattutto per i titoli dell'universo digitale.

Il Dow Jones inizia le contrattazioni al ribasso dello 0,1%, mentre l'S&P 500 fa -0,3% e il Nasdaq -0,4%, a causa dell'elevata esposizione ai titoli tecnologici. (Milano Finanza)

Ne parlano anche altri giornali

A preoccupare gli investitori è stato “il rallentamento della crescita del numero degli abbonati” Gli abbonati sulla nota piattaforma Netflix, attualmente la prima società al mondo di streaming, sono pari a 222 mln. (Redazione Imprese News)

Alphabet (Google) ha ceduto il 2,2%, Amazon quasi il 6%, Facebook (Meta) oltre il 4%. (MonitoR magazine)

La crescita degli abbonati di Netflix è stata di nuovo più debole del previsto negli ultimi tre mesi del 2021 e la società prevede che la crescita rallenterà molto più di quanto Wall Street si aspettasse nei primi mesi del 2022. (NewsDigitali)

221,8 milioni di abbonati mensili per Netflix. Nella regione EMEA (intendiamo Europa, Medio Oriente e Africa) Netflix ha ben 74,04 milioni di abbonati, ricavi di 2,52 miliardi di dollari e ricavi medi per abbonato di 11,64 dollari (Android Italy)

Netflix sembra aver raggiunto il suo picco di massimo splendore nel corso del 2021, e in questo inizio del nuovo anno purtroppo è costretto un po’ ad arrancare. Quel che ha causato il crollo in borsa invece sono state le aspettative disattese, e di conseguenza le previsioni di crescita futura in vista del 2022. (Gametimers)

La sfida quindi è sempre più aperta, con Netflix che adesso ha una rivale agguerrita Si blocca la crescita della piattaforma streaming Netflix, che sembrerebbe essere entrata in crisi: cosa succederà adesso. (Vesuvius.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr