Bonus da 3mila direttamente sul conto corrente, chi può farne richiesta?

Consumatore.com ECONOMIA

Esiste, ma non tutti i cittadini lo conoscono e non sanno dunque, che hanno invece possibilità di farne richiesta.

Un bonus da tremila euro che viene versato direttamente sul conto corrente?

Chi invece ha un Isee compreso tra i 25 e i 40 mila euro, si vedrà riconosciuto un importo pari a 500 euro.

mentre chi ha dichiarato un Isee superiore a 40 mila euro, si vedrà corrisposto un aiuto economico pari a 1.500 euro. (Consumatore.com)

Ne parlano anche altre testate

Quindi attenzione, guai a commettere questo errore con dei soldi sul conto corrente da investire. Oggi, questa è la scommessa vincente per chi ha i soldi sul conto corrente e vuole investirli in sicurezza (Proiezioni di Borsa)

Ma quali sono quindi gli aspetti ai quali sarebbe bene prestare attenzione e quali i motivi per i quali può essere conveniente cambiare banca? Una recente ricerca condotta dalla Banca d’Italia ha evidenziato come un conto corrente aperto più di dieci anni fa costi mediamente 93 euro l’anno, contro i 49 euro di un conto corrente aperto da poco (AltamuraLive.it)

I comparatori sono gli strumenti ideali per scegliere il miglior conto corrente online. L’attivazione di un conto corrente online può essere ancor più semplificata se si scegliere di affidarsi a un servizio di comparazione, ovvero di un tool gratuito che permette di confrontare velocemente le varie offerte disponibili (QuiFinanza)

LEGGI ANCHE > > > Conto corrente con prelievo gratuito, la soluzione c’è: ecco dove guardare. Una banca dati di proporzioni enormi, incrociabili e confrontabili, tutti tenuti sotto controllo Il risparmiometro è un algoritmo che mira alla verifica proprio dei movimenti di denaro sul conto corrente. (ContoCorrenteOnline.it)

Versamenti su conto corrente: ecco quando si rischia. Nello specifico l’Agenzia delle Entrate fa scattare i controlli in presenza di versamenti anomali e di grosse somme sui conti correnti. Nel momento della comunicazione di accertamenti, l’Agenzia delle Entrate attende memorie anche scritte come chiarimento da parte del destinatario del provvedimento (Consumatore.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr