Germania, anche l’esercito tra le zone alluvionate

LaPresse INTERNO

I militari sono al lavoro con cingolati, elicotteri e altri mezzi di soccorso

Oltre 850 militari al lavoro con cingolati, elicotteri e altri mezzi di soccorso. (LaPresse) Anche l’esercito tedesco al lavoro per portare soccorso nelle zone alluvionate in Germania: dispiegati oltre 850 soldati per lo sgombero di alcune strade ancora allagate e in cui sono rimasti bloccate auto e camion.

II ministero della Difesa ha attivato “l’allarme militare per disastro”. (LaPresse)

Su altre fonti

In totale i morti in Europa sono 153. I soccorritori sono ancora a lavoro per ripulire la devastazione e prevenire ulteriori danni, ma nella contea di Ahrweiler, nella Germania occidentale, una delle aree più colpite, si temono più vittime. (MeteoWeb)

Il Paese più colpito è la Germania dove il numero delle persone morte a causa delle alluvioni è salito a 133. In totale i morti in Europa sono 153. (Tiscali Notizie)

Da oltre 24 ore si cerca di svuotare scantinati e cantine con le idrovore, mentre gli elicotteri dei soccorsi sono impegnati nella ricerca di circa 1.300 persone che risultano ancora disperse. Non smette di crescere il bilancio dei morti tedeschi, arrivato a 133 vittime, con il land Renanai-Palatinato che da solo ne ha registrate 63, mentre nel vicino Nord Reno-Vestfalia se ne sono contate finora 43. (Open)

I tre giocatori, in Germania per disputare il Playout di Regionaliga Ovest contro il Solinger Tennis-Club 1902 (sono tesserati per il TC Blau-Weiss Lechenich, club del quale fanno parte anche altri due italiani come Claudio Fortuna e Alessandro Motti), si sono ritrovati nel bel mezzo dell’immensa alluvione che ha colpito il Paese causando più di 130 morti ed oltre 1.300 dispersi: senza pensarci due volte, sono scesi in piazza ad aiutare la popolazione e i volontari a rimuovere i tanti detriti portati dal maltempo. (LiveTennis.it)

Nei Paesi Bassi, migliaia di persone che hanno evacuato le aree colpite stanno iniziando a tornare a casa per esaminare i danni. (LaPresse) Si è fermata nelle ultime ore la pioggia nelle aree più colpite di Germania, Belgio e Paesi Bassi, ma i temporali e gli acquazzoni sono continuati in altre parti dell’Europa occidentale e centrale (come ad esempio in Repubblica Ceca). (LaPresse)

Le piogge più intense colpiranno Abruzzo e Molise, dove potranno cadere fino a 70-75mm di pioggia in modo particolare nelle zone costiere. Si aggrava il bilancio delle vittime del maltempo che sta devastando in questi giorni Germania, Olanda, Belgio, Lussemburgo e Svizzera. (Today.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr