Valle d’Aosta, nuove colate di fango a Oyace e Bionaz

Valle d’Aosta, nuove colate di fango a Oyace e Bionaz
MeteoWeb INTERNO

Neanche il tempo di terminare i lavori che due colate di detriti hanno investito la strada regionale numero 28 a Oyace e Bionaz, in Valle d’Aosta.

Sono venute giù ondate di fango, che hanno sfiorato alcune case, in frazione Condemine a Oyace", spiega il sindaco di Bionaz, Valter Nicase.

"Avevamo quasi finito di rimuovere i detriti, la strada era quasi aperta, quando abbiamo visto muoversi qualcosa in alto. (MeteoWeb)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ad accompagnarci nel nostro viaggio lungo lo Stivale tra carrozze gipsy, yurte mongole, tipi tent, cupole geodetiche e vecchi autobus riadattati è Francesco Salvaggio, alias Franckreporter, travel writer e autore di “Glamping Porn – guida alle migliori location glamping in Italia” a cura di Costanza Ruggeri. (Sky Tg24 )

Sono circa 15 le persone bloccate a Bionaz e che, secondo il sindaco Valter Nicase, verranno sistemate per la notte Molto frequentate dai turisti in fuga dalle ondate di caldo, Oyace e Bionaz non sono al momento raggiungibili in auto. (La Sentinella del Canavese)

Nel pomeriggio, la protezione civile aveva lanciato un'allerta meteo nelle zone di confine settentrionale e occidentale, oltre che nel settore di sud-ovest, al confine con il Piemonte, per possibili dissesti localizzati e colate detritiche sui bacini montani Sul posto le autorità locali, i vigili del Fuoco e i volontari dei comuni interessati. (Valledaostaglocal.it)

Nuova colata ad Oyace: le impressionanti immagini

Sul posto i vigili del fuoco volontari e professionisti insieme alle autorità comunali e agli addetti regionali per valutare la situazione. La strada regionale 28 bloccata dalla caduta di due frane. A Bionaz e Oyace i detriti si sono riversati sulla via di comunicazione. (Aosta Oggi)

Il sistema di monitoraggio che era stato predisposto, come ha spiegato l'assessore, ha funzionato, attivando il rosso dei semafori collegati al sistema, chiudendo di fatto immediatamente la strada al transito. (Valledaostaglocal.it)

Si tratta delle immagini, a cura del Nucleo Sapr, che pubblichiamo di seguito e che restituiscono l’ampiezza delle prime colate. Dopo le 16, tuttavia, due nuovi distacchi hanno complicato la situazione, portando a valle ancora più detriti di quelli precedenti. (AostaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr