Juana Cecilia, uccisa dall'ex liberato dal giudice. Il tribunale: «Non poteva prevedere il futuro»

Juana Cecilia, uccisa dall'ex liberato dal giudice. Il tribunale: «Non poteva prevedere il futuro»
Leggo.it INTERNO

Non si placano le polemiche per il femminicidio di Juana Cecilia Loayza, la 34enne uccisa a Reggio Emilia dal suo ex.

Ma «la misura è stata violata, Genco è stato nuovamente arrestato e il giudice ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere»

Genco, conferma Beretti, era stato arrestato i primi di settembre per il reato di atti persecutori nei confronti della vittima.

«Le valutazioni del giudice devono essere le stesse per tutti: comprensione del contesto, accertamento del fatto, applicazione della norma. (Leggo.it)

Su altre fonti

Così l’avvocato difensore, Alessandra Bonini descrive il 24enne Mirko Genco, reo confesso dell’omicidio della 34enne Cecilia Juana Hazana Loayza, uccisa a coltellate in un parco di Reggio Emilia. Lo ha detto all’Ansa la presidente del tribunale di Reggio Emilia Cristina Beretti, sul caso di Juana Cecilia Loayza, uccisa dall’ex, libero con la condizionale dopo il patteggiamento dello stalking. (Gazzetta di Parma)

Così il sostituto procuratore Maria Rita Pantani, titolare dell'inchiesta, ha descritto il 24enne Mirko Genco - reo confesso dell'omicidio della 34enne Cecilia Juana Hazana Loayza, ammazzata a coltellate in un parco di Reggio Emilia nella notte fra venerdì e sabato scorso - motivando la richiesta di convalida dell'arresto nell'udienza di stamattina. (Il Messaggero)

Reggio Emilia, "Cecilia uccisa due volte: dalla legge che non l'ha protetta e da quell'orco" • Imola Oggi

Pm e giudici "applicano la legge, applicano misure cautelari richieste dal Pm calibrando le scelte a seconda del caso concreto, condannano alla pena che appare equa in relazione al caso sottoposto al loro vaglio". (Il Resto del Carlino)

Un passato da stalker quello di Genco, che – libero dal 4 novembre per aver patteggiato due anni dopo le denunce di Juana Cecilia – un anno fa era stato denunciato da un’altra ex. Ed infine una conclusione che fa riflettere: “E’ stata uccisa due volte: dalla legge che non l’ha protetta e da quell’orco” (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr