Scuole Lazio, la direttiva ai presidi: «Ragazzi da iscrivere anche senza spazi in più»

Scuole Lazio, la direttiva ai presidi: «Ragazzi da iscrivere anche senza spazi in più»
Corriere della Sera Corriere della Sera (Interno)

In alternativa, aggiunge Pinneri, i presidi «dovranno aiutare la famiglia interessata a trovare un’altra sistemazione consona, in nessun caso dovrà accadere che lo studente rimanga senza la scuola».

Tra queste c’è anche la richiesta di poter rifiutare le iscrizioni dei nuovi alunni che potrebbero arrivare ora, quindi tardive rispetto a un’organizzazione degli spazi già molto gravosa e incerta.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr