Musk nel mirino della Sec per la scalata a Twitter

ilGiornale.it ECONOMIA

«Di chi vi fidate di meno, dei politici o dei miliardari?» chiede il fondatore di Tesla, Elon Musk, ai suoi follower di Twitter.

Ieri la Sec, la Consob americana, ha chiesto al fondatore di Tesla alcune informazioni circa l'acquisizione delle sue quote in Twitter.

«Ritardando la comunicazione Musk ha manipolato il mercato», è l'opinione degli accusatori, «e acquistato titoli Twitter a un prezzo artificialmente basso». (ilGiornale.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Secondo la SEC, Musk avrebbe dovuto usare il form 13D per gli investitori attivi, considerati i suoi numerosi suggerimenti su come migliorare il social network. Mentre gli azionisti cercano di capire le intenzioni di Elon Musk, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha rivelato di aver chiesto chiarimenti in merito all’acquisto del 9,2% di Twitter. (Punto Informatico)

Leggi anche Elon Musk ha comprato Twitter per 44 miliardi di dollari: è ufficiale. La denuncia chiede un provvedimento ingiuntivo da parte del tribunale, che potrebbe potenzialmente costringere Musk ad acquistare il social dall'uccellino blu al prezzo concordato (Fanpage.it)

La SEC ha inviato a Musk una lettera, datata 4 aprile, per chiedere perché la documentazione richiesta non fosse stata consegnata entro i 10 giorni previsti dalla data di acquisizione. Securities and Exchange Commission (SEC) sta controllando la rivelazione dell’amministratore delegato di Tesla (NASDAQ: ) Elon Musk circa la sua partecipazione iniziale in Twitter (NYSE: ). (Investing.com Italia)

Gli investitori sostengono che Musk abbia risparmiato 156 milioni di dollari non rivelando di aver acquistato più del 5% di Twitter entro il 14 marzo. E più Musk si avvicina all’acquisizione di Twitter, più aumentano le iniziative che sembrerebbero dimostrare quanto alcuni degli stakeholder della piattaforma siano poco entusiasti all’idea dell’operazione. (CorCom)

E in virtù del fatto che punta chiaramente al “delisting”, cioè a ritirare il titolo dalla quotazione al Nasdaq di New York. Stavolta il miliardario sudafricano con cittadinanza canadese e americana è stato citato da alcuni investitori secondo i quali avrebbe appunto manipolato il mercato. (Esquire Italia)

Nelle scorse settimane il CEO di Tesla sembrava aver già acquistato il famoso social media, ma proprio all’ultimo aveva deciso di mettere tutto in stand-by per analizzare bene la situazione legata al numero di utenti bot e spam. (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr