Bergoglio: "Non riduciamo la croce a oggetto di devozione" • Imola Oggi

Bergoglio: Non riduciamo la croce a oggetto di devozione • Imola Oggi
Più informazioni:
Imola Oggi ESTERI

Perché la croce non vuol essere una bandiera da innalzare, ma la sorgente pura di un modo nuovo di vivere”.

“Non ricerca i propri vantaggi per poi mostrarsi devoto – ha aggiunto -: questa sarebbe una religione della doppiezza, non la testimonianza del Dio crocifisso”.

Non riduciamo la croce a oggetto di devozione, tanto meno a un simbolo politico, a un segno di rilevanza religiosa e sociale”.

Leggi anche. (Imola Oggi)

Se ne è parlato anche su altri media

Ma un cristianesimo senza croce è mondano e diventa sterile». Non ricerca i propri vantaggi per poi mostrarsi devoto: questa sarebbe una religione della doppiezza, non la testimonianza del Dio crocifisso (Corriere della Sera)

Non riduciamo la croce - ha detto il papa - a un oggetto di devozione, tanto meno a un simbolo politico, a un segno di rilevanza religiosa e sociale". Il viaggio del Pontefice in Slovacchia Papa Francesco: "Non riduciamo a croce a simbolo politico" Nella sua terza giornata in Slovacchia, dopo la divina liturgia bizantina a Presov, è previsto l'incontro con la comunità rom, e l'incontro con i giovani. (Rai News)

Lo fa solo durante l'incontro con i vescovi, alcuni di loro vicini alle posizioni di chiusura del premier (e le sue parole infatti vengono diffuse molto più tardi ai giornalisti). La croce non sia mai "un simbolo politico", "non vuole essere una bandiera da innalzare", non si riduca a "un segno di rilevanza religiosa e sociale". (AGI - Agenzia Italia)

Slovacchia, il Papa: “Mai ridurre il crocifisso a simbolo politico. Non è una bandiera da innalzare”

Il testimone della croce non usa le vie dell’inganno e della potenza mondana: non vuole imporre sé stesso» IL RETROSCENA Papa Francesco ha deciso: porterà a Roma il crocifisso. (ilmessaggero.it)

Non riduciamo la croce a un oggetto di devozione, tanto meno a un simbolo politico, a un segno di rilevanza religiosa e sociale». Slovacchia, Papa Francesco “Covid prova del nostro tempo”/ “Seminate sale della fede”. (Il Sussidiario.net)

Per salvare chiunque è disperato ha voluto lambire la disperazione, per fare suo il nostro più amaro sconforto ha gridato sulla croce: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”». E ancora: «Non ricerca i propri vantaggi per poi mostrarsi devoto: questa sarebbe una religione della doppiezza, non la testimonianza del Dio crocifisso (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr