Inchiesta Covid, Andrea Crisanti parla della sua consulenza

Inchiesta Covid, Andrea Crisanti parla della sua consulenza
Corriere TV INTERNO

Così la tua area personale sarà sempre più ricca di contenuti in linea con i tuoi interessi

Autorizzaci a leggere i tuoi dati di navigazione per attività di analisi e profilazione.

Per avere contenuti personalizzati, dai il tuo ok alla lettura dei dati di navigazione.

(Corriere TV)

Ne parlano anche altri giornali

L’auspicio del microbiologo è che il suo lavoro, una perizia di un centinaio di pagine costruita analizzando per circa un anno e mezzo migliaia di documenti, possa essere d’aiuto a chi indaga per tentare di ricostruire ciò che è accaduto in una provincia che ha visto l’aumento della mortalità più alto al mondo, +570% (Prima Bergamo)

Crisanti ha spiegato che la Procura dovrà fornirgli altra documentazione sulla quale potrà fare integrazioni rispetto alla consulenza depositata oggi Quando fu scoperto il paziente Uno positivo al Covid all’ospedale di Codogno (Lodi), nel febbraio 2020, nell’ospedale di Alzano c’erano «già un centinaio di contagiati» dal virus. (L'Eco di Bergamo)

Quando fu scoperto il paziente Uno positivo al Covid all'ospedale di Codogno (Lodi), nel febbraio 2020, nell'ospedale di Alzano (Bergamo) c'erano «già un centinaio di contagiati» dal virus. (Corriere TV)

Inchiesta Covid, Crisanti: "Paziente 1 a Codogno? In quei giorni ad Alzano 100 infetti"

Quello che posso dire è che sono emerse delle criticità e non delle responsabilità perché queste dovrà determinarle la Procura. Inchiesta Covid a Bergamo, Crisanti a Fanpage.it: “Sono emerse criticità sul ritardo della zona rossa” “Sono emerse criticità per quello che riguarda la mancata applicazione del piano pandemico nazionale e per quello che concerne il ritardo della zona rossa”: a dirlo a Fanpage. (Fanpage.it)

“Criticità su zona rossa nel Bergamasco”. Dal colloquio tra i pm bergamaschi e il loro consulente Andrea Crisanti sono emerse “criticità riguardo l’applicazione e la tempistica della zona rossa” nel Bergamasco e “criticità sull’applicazione del piano pandemico nazionale”. (Blitz quotidiano)

Bergamo, 14 gennaio 2022 - Quando fu scoperto il paziente uno positivo al Covid all'ospedale di Codogno (Lodi), nel febbraio 2020, nell'ospedale di Alzano c'erano "già un centinaio di contagiati dal virus". (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr