Codogno un anno fa, non è andato tutto bene | il manifesto

Codogno un anno fa, non è andato tutto bene | il manifesto
Il Manifesto INTERNO

Contravvenendo alle normali procedure, «cercando qualcosa che pensavamo impossibile», faceva un tampone per il coronavirus al trentottenne Mattia Maestri, ricoverato grave con una polmonite anomala.

Un anno fa l’intuizione dell’anestesista dell’ospedale di Codogno Annalisa Malara cambiava il corso degli eventi.

In quei giorni si facevano tamponi solo a chi con febbre e tosse aveva avuto contatti con la Cina: nessuno. (Il Manifesto)

Su altre fonti

Nell’ospedale sono state create due aree protette per ospitare i neonati a rischio, ovvero nati da donne con sospetto COVID. «Zoe è stata dimessa da alcuni giorni mentre Mia dovrà restare ancora qualche tempo in incubatrice per recuperare al meglio. (Vanity Fair Italia)

Ciò rende questo legume utile nel prevenire l’ipertensione e, di conseguenza, un aiuto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Esiste inoltre in commercio la farina di lupini, con cui si può preparare pane, pasta, vellutata o zuppe di legumi» (Vanity Fair Italia)

LEGGI ANCHE. Nike (a prezzi mini) sbarca da Lidl. LEGGI ANCHE. https://www.vanityfair.it/fashion/abbigliamento/2021/02/02/gilet-lana-in-maglia-moda-primavera. Chi disegna e ha disegnato nel passato le divise sportive ha sicuramente guardato alla moda del suo tempo per poter creare capi contemporanei. (Vanity Fair Italia)

20 febbraio: un anno fa, Codogno

E se è vero che la polemica, come ogni Sanremo che si rispetti, non manca mai, non mancano neanche i grandi duetti. «Ho ricevuto una telefonata di Amadeus… e sarò a Sanremo con lui venerdì 5 marzo!», ha scritto sui social la conduttrice, ricordando quanto Sanremo sia casa e famiglia, un po’ per tutti noi. (Vanity Fair Italia)

Più sicuri sono i posti di lavoro e agevoli le abitazioni, meno la disabilità e la cronicità troveranno alloggio. Se la giornata del 20 febbraio è qualcosa di più di una medaglia. 20 febbraio: giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato. (Nurse24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr