Chi sono i ribelli di Adf, jihadisti ugandesi all'ombra dell'Isis

Chi sono i ribelli di Adf, jihadisti ugandesi all'ombra dell'Isis
Yahoo Finanza ESTERI

Lo scambio di accuse riflette il clima di forte tensione politica esistente tra le Fdlr da un lato e Kinshasa e l'esercito ruandese dall'altro.

L'arrivo delle salme in Italia è atteso per questa sera, dove ad accogliere i feretri ci sarà Di Maio

Nell'imboscata di ieri sono state rapite tre persone, sempre parte del convoglio Onu, e che secondo voci non confermate ufficialmente sono state liberate. (Yahoo Finanza)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Nella seconda metà degli anni '90 l'Adf lanciò una campagna militare nei distretti del Rwenzori dell'Uganda. Guidata da Jamil Mukulu, un ex cattolico convertito all'Islam, è considerata vicina al movimento sunnita Tablighi Jamat e si ritiene sia legata all'Isis, anche se l'affiliazione non è mai stata ufficializzata. (AGI - Agenzia Italia)

Secondo la presidenza congolese i due italiani sono stati entrambi stati uccisi dai loro rapitori, armati di “cinque kalashnikov e un machete” Lo stato Islamico . (L'HuffPost)

Il luogo dell’assalto, la zona delle tre antenne, è famosa per la presenza di gruppi terroristici e di banditi. In questo contesto, il CESI ( Centro Studi Internazionali, presieduto da Andrea Margelletti) sottolinea l’irruzione dello “Stato islamico nel conflitto” . (L'HuffPost)

Luca Attanasio | il report dell'intelligence | “Nella zona migliaia di attacchi dal 2017 Non si può escludere un'azione dell'Isis”

L’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e il carabiniere Vittorio Iacovacci sono stati trasportati già feriti nella foresta, dove sono poi morti nelle mani dei loro rapitori. (Il Fatto Quotidiano)

Leggi su ilfattoquotidiano (Di martedì 23 febbraio 2021) L’ambasciatore italianoRepubblica Democratica del Congo,, e il carabiniere Vittorio Iacovacci, sono stati trasportati già feritiforesta, dove sono poi morti nelle mani dei loro rapinatori. (Zazoom Blog)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr