Proteste in Georgia dopo il voto sulla "legge russa", manifestanti sfondano barriere del Parlamento

Fanpage.it ESTERI

Migliaia di persone sono da giorni davanti al Parlamento di Tbilisi, in Georgia, dove oggi è stata approvata la legge sugli "agenti stranieri" che rischia di portare alla repressione di ong, media e oppositori politici. I manifestanti hanno cercato di entrare nell'edificio, senza riuscirci. Dopo il voto, la protesta della piazza continua. (Fanpage.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il Parlamento ha approvato la normativa in terza lettura mentre fuori dall'edificio continuavano le manifestazioni e dopo che uno scontro fisico è avvenuto anche tra deputati all'interno dell'aula. (L'Unione Sarda.it)

Bruxelles – Ora tra le istituzioni dell’Unione Europea e la Georgia – o meglio, il partito al potere Sogno Georgiano – è scontro aperto. (EuNews)

Nella rubrica «Palomar», Antonio Polito rintraccia le analogie tra i disordini che si stanno verificando in Georgia in questi giorni e quelli di Kiev di dieci anni fa: «Una battaglia per la libertà di un popolo – nota - che sogna di aderire all'Unione Europea e non vuole vivere sotto il tallone della Russia di Putin». (Corriere TV)

Violente manifestazioni sono scoppiate tra le strade di Tblisi, in Georgia, a seguito dell'approvazione della cosiddetta "legge russa" sulle influenze straniere. Duri scontri con la polizia a Tblisi a seguito dell'approvazione della cosiddetta "legge russa". (Euronews Italiano)