La decisione di Papa Francesco di tornare in Vaticano per mettere a tacere le voci sulla sua salute

ilmessaggero.it INTERNO

Forse però non quella mossa da sola non bastava e così la mossa successiva non poteva che essere quella di uscire anzitempo dall'ospedale

Man mano che i giorni passavano i tempi si sono allungati per prudenza tanto che solo due giorni fa i medici ipotizzavano l'uscita dall'ospedale nel fine settimana.

E' notorio che per Francesco restare fermo e non potersi spostare in modo vitale come è sua abitudine, si trasforma in una sofferenza. (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altre testate

Papa Francesco è stato dimesso dal Policlinico Gemelli, dove era stato ricoverato lo scorso 4 luglio per un intervento chirurgico al colon, durato circa 3 ore.In seguito, il Pontefice era stato trasferito al decimo piano del Policlinico, nella "stanza dei Papi", che ospitò anche Karol Wojtila, dove ha trascorso una degenza di dieci giorni. (Sputnik Italia)

Se non fosse stato per un fotografo della France Press appostato in una delle uscite laterali. (ilmattino.it)

La Santa Sede ha inizialmente scommesso “circa una settimana” di ricovero, “complicanze escluse”. La Santa Sede ha inizialmente fatto affidamento su “circa una settimana” di ricovero, “complicanze escluse”. (BarSport.Net)

LE Papa Francesco, i giorni del ricovero al Gemelli di Roma ROMA Papa Francesco come sta? APPROFONDIMENTI IL CASO Papa Francesco (senza usare la carrozzina) fa visita ai «suoi. (Il Gazzettino)

Ieri dal Vaticano avevano confermato il proseguo delle cure previste e della riabilitazione per consentire, al Santo Padre, di ritornare quanto prima in Vaticano. Tempo di lettura (Quotidiano del Sud)

"Non dimentichiamoci di pregare per i malati", ha scritto in in test il Pontefice. “Ringrazio tutti coloro che mi sono stati vicini con la preghiera e l’affetto nei giorni di ricovero in ospedale. Lo dice Papa Francesco in un tweet dopo le dimissioni dal Policlinico Gemelli di Roma e il ritorno in Vaticano (Radio Colonna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr