Caso Eni, ex pm Davigo indagato a Brescia

Caso Eni, ex pm Davigo indagato a Brescia
QuiBrescia.it INTERNO

L’ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d’ufficio.

Mi sembrava incomprensibile la mancata iscrizione”.

L’11 maggio scorso, come riferisce Repubblica, in tv a Di Martedì Davigo spiegò che Storari gli aveva “segnalato una situazione critica e dato il materiale necessario per farmi un’opinione, dopo essersi accertato che fosse lecito. (QuiBrescia.it)

La notizia riportata su altri giornali

A Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un’asserita associazione segreta, denominata «Ungheria» e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari andavano chiarite rapidamente, anziché a suo avviso relegate “in un limbo di immobilismo investigativo dai vertici della Procura” (gazzettadimilano.it)

Al centro dell'inchiesta i verbali consegnatigli dal pm Storari che indagava sulla cosiddetta loggia Ungheria e l'avvocato Amara. di Redazione Online. Piercamillo Davigo, ex pm del pool Mani Pulite è indagato a Brescia per rivelazione del segreto d'ufficio. (TG La7)

Leggi altre notizie su www.cagliaripad.it Piercamillo Davigo, scrive “Il Corriere della Sera”, era consigliere Csm sino al pensionamento nell’ottobre 2020, ex pm di Mani pulite e giudice di Cassazione. (Cagliaripad)

Piercamillo Davigo indagato/ 'Rivelazione segreto d'ufficio' su verbali Amara

L’inchiesta è partita dalla procura di Brescia – L’ex componente del Csm, Piercamillo Davigo, al quale nel 2020 il pm milanese Paolo Storari consegnò i verbali di Piero Amara sulla lobby Ungheria, è indagato per l’ipotesi di rivelazione di segreto per averne poi parlato al Csm. (Cronachedi.it - Il quotidiano online di informazione indipendente)

A Davigo nell’aprile 2020 il pm Storari consegnò verbali segreti che da dicembre 2019 a gennaio 2020 il plurindagato Amara, ex avvocato esterno Eni, aveva reso su un’asserita associazione segreta, denominata «Ungheria» e condizionante toghe e alti burocrati dello Stato: controverse dichiarazioni che per Storari andavano chiarite rapidamente, anziché a suo avviso relegate “in un limbo di immobilismo investigativo dai vertici della Procura”. (elivebrescia.tv)

Piercamillo Davigo è indagato a Brescia per rivelazione di segreto d’ufficio sui verbali di Pietro Amara sulla “loggia Ungheria“. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr