Daniela Molinari: la madre biologica ha finalmente detto sì al prelievo che potrà salvarla

Daniela Molinari: la madre biologica ha finalmente detto sì al prelievo che potrà salvarla
Leggilo.org INTERNO

Si accende una piccola speranza per Daniela Molinari, la donna di 48 anni che – dopo essere stata abbandonata alla nascita dalla madre biologica, che la fece trasferire in un orfanotrofio – ha recentemente scoperto di essere stata colpita da un tumore ed è stata inserita in un programma di cure sperimentali.

E così – non senza difficoltà emotive, tecniche e burocratiche – e garantendo alla madre di Daniela l’anonimato che ha legittimamente richiesto, la missione alla fine è stata portata a termine. (Leggilo.org)

Ne parlano anche altri media

La ragazzina, di 15 anni, girava dei video hard insieme al fidanzato di 17 anni. Agghiacciante quanto riportato da ”La Repubblica”. La ragazza e la madre postavano anche video espliciti su Badoo e Periscopoe e spesso coinvolgevano anche il fidanzato della 15enne. (Ck12 Giornale)

Un ripensamento 'indottò dal Tribunale dei minori, che ha fornito alla donna, settantenne, tutte le garanzie sull'anonimato e la riservatezza. Il Tribunale dei minori l’ha contattata, ma la donna sì è rifiutata di sottoporsi all’esame del sangue. (Gazzetta del Sud)

I carabinieri del comando provinciale di Milano hanno precisato che al momento del fatto la donna si trovava in casa con la figlia 17enne. I contorni della vicenda non sono ancora chiari e sul caso sono in corso accertamenti. (MilanoToday.it)

Milano, accetta il prelievo per curare il cancro della figlia che lasciò al brefotrofio

Non ha mai conosciuto la madre, è stata adottata e cresciuta da un’altra famiglia dopo essere stata abbandonata appena nata. Daniela Molinari può sperare: la madre biologica ha acconsentito al prelievo del sangue per fornire una mappatura genetica e quindi accedere a una cura sperimentale per curarsi. (Il Riformista)

Ma nel frattempo ci sono stati i nuovi interrogatori dei quattro giovani, che sono stati sentiti su loro stessa richiesta. "Ho rinunciato al mandato per divergenze col mio assistito sulla condotta extraprocessuale da tenere, specie in processi come questo", aveva detto l'avvocato Paolo Costa che difendeva fino a pochi giorni fa Vittorio Lauria (Yahoo Notizie)

L’anonimato, però, verrà mantenuto: madre e figlia, infatti, non si incontreranno, ma la mamma di Daniela ha accetto di effettuare il prelievo che permetterà la mappatura genetica Da tre anni, però, combatte contro una malattia terribile che potrebbe essere sconfitta grazie all’immunoterapia sperimentale nata in Svizzera, che però si basa sulla mappatura genetica. (DiLei)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr