Atletica: Kenya, funerali di Stato per il maratoneta Kiptum

La Gazzetta di Mantova SPORT

Il maratoneta keniano Kelvin Kiptum, detentore del record mondiale della specialità, morto domenica notte in un incidente stradale nel suo Paese, sarà onorato in patria con funerali di Stato. Lo ha annunciato il ministro dello Sport, Ababu Namwamba, dopo essersi consultato con la famiglia del 24enne atleta defunto. "Solo lo scorso ottobre abbiamo festeggiato Kelvin Kiptum dopo che aveva infranto il record mondiale della maratona. (La Gazzetta di Mantova)

Se ne è parlato anche su altri media

Si tratta del detentore del record del mondo della maratona (2 ore e 35 secondi), appena 24 enne, considerato favoritissimo per la vittoria della medaglia d'oro alle Olimpiadi di Parigi in programma per l'estate 2024. (Tuttofrosinone)

Kelvin Kiptum, ventiquattrenne maratoneta keniota, aveva vinto le uniche tre maratone alle quali aveva partecipato in carriera: il suo incredibile esordio alla maratona di Valencia, poi quella di Londra e soprattutto, quattro mesi fa, quella di Chicago, con il tempo di 2h00’35”, nuovo record mondiale sulla distanza. (Avvenire)

Nelle scorse ore si è diffusa la notizia della scomparsa di uno dei più grandi talenti del mondo dello sport. Si tratta di un atleta molto giovane, appena 24enne, che era in rampa in lancio nella sua disciplina e da molti addetti ai lavori era indicato come uno dei più promettenti nel futuro prossimo. (Rompipallone – News sul calcio nazionale e internazionale)

La notizia della morte del primatista mondiale della maratona Kelvin Kiptum ha sconvolto il mondo dell'atletica. L'atleta è rimasto vittima assieme al suo allenatore Gervais Hakizimana in un incidente stradale vicino a Kaptagat (Kenya), nella regione di Eldoret in cui si allenano i fondisti, due mesi prima di tentare a Rotterdam l'impresa di scendere sotto le due ore. (La Gazzetta dello Sport)

ATLETICA LEGGERA L'annuncio è stato dato dal titolare del dicastero Ababu Namwamba che ha assecondato la volontà della famiglia di ricordare il campione di maratona con delle esequie pubbliche (Sport Mediaset)

Una meravigliosa idea che tragicamente è svanita nella giornata di domenica 11 febbraio. (ilGiornale.it)