Belen e l’ospedale di Padova nel mirino del Codacons: caso in procura

GameGurus CULTURA E SPETTACOLO

Non si placano le polemiche sul parto della showgirl e sulla struttura, dopo che è stato adottato un protocollo particolare per lei. La polemica sul parto di Belen Rodriguez nell’ospedale di Padova non è ancora finita, anzi.

Nello stesso si leggeva che “causa Belen” non era possibile accedere ad alcuni piani dell’ospedale.

Nell’esposto del Codacons contro Belen e l’ospedale di Padova si legge che l’azienda potrebbe avere delle responsabilità nei confronti dei pazienti, per questo sarebbe necessario aprire un’indagine

La polemica è arrivata alle orecchie del Codacons, sempre più contestato sul Web e sui social per i continui attacchi a Fedez. (GameGurus)

La notizia riportata su altri media

Belen Rodriguez. La replica del sindacato. Immediata la replica del sindacato con Alessandra Stivali, segretaria provinciale: “Abbiamo riferito di segnalazioni ricevute. PADOVA – E’ nata tra le polemiche la figlia di Belen Rodriguez. (News Mondo)

Leggi anche –> Renato Zero, siparietto indimenticabile con la Carrà: che emozioni. De Martino sicuro: “Se ce l’ho fatta è per questo motivo”. Per pagarsi il biglietto del treno, Stefano De Martino dovette impegnare una catenina d’oro ricevuta in regalo per la sua prima comunione (ultimaparola.com)

Belen Rodriguez è diventata mamma per la seconda volta della piccola Luna, ma la nota showgirl ha qualcosa da dirle. Ecco tutta la verità. (YouMovies)

Il parto di Belen Rodriguez ha sollevato un grosso polverone per via di un cartello affisso nel reparto dell’ospedale Giustinianeo di Padova dove è venuta alla luce Luna Marì, la secondogenita della showgirl argentina, figlia di Antonino Spinalbese. (Blog Tivvù)

«E’ necessario aprire un’indagine alla luce delle possibili fattispecie di interruzione di pubblico servizio e abuso d’ufficio, accertando i fatti e verificando se effettivamente un intero reparto dell’ospedale sia stato riorganizzato sulla base delle esigenze della showgirl». (361 Magazine)

La scelta di vietare l’accesso al piano in cui era degente la showgirl ha destato critiche e non solo. Questo, nei fatti, avrebbe creato una disparità di trattamento anche nei confronti degli altri pazienti e delle mamme ricoverate al momento. (Fidelity News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr