Italia: inflazione dovrebbe proseguire nei prossimi mesi prima di attenuarsi al 2,2% nel 2022

Finanza.com ECONOMIA

Valeria Panigada 3 dicembre 2021 - 11:06. MILANO (Finanza.com). "Le diffuse pressioni inflattive dovrebbero proseguire nei prossimi mesi, prima di una loro attenuazione prevista nella seconda parte del 2022".

Secondo l'istituto di statistica nazionale, il deflatore della spesa delle famiglie residenti aumenterà dell’1,8% quest’anno, risentendo dell’attuale fase di accelerazione dell’inflazione che è attesa protrarsi nel 2022 (+2,2%). (Finanza.com)

Ne parlano anche altri media

Un'altra scuola ritiene invece che l'inflazione sia temporanea e che si raffredderà non appena le economie in ripresa dopo la pandemia si assesteranno Entro certi limiti l'inflazione è un segnale favorevole: significa che l'economia è in buone condizioni perché la domanda di beni e servizi è sostenuta. (TIMgate)

Nonostante gli indiscutibili progressi dell’economia dell’Eurozona, specie in Italia, la ripresa resta fragile, in particolare in Italia e Spagna sul fronte dell’occupazione. Jerome Powell, una volta confermato alla presidenza della Fed, ha rinnegato la “pazienza” nei confronti dell’ascesa dei prezzi. (Il Sussidiario.net)

E, soprattutto, eredita un Paese che non può più permettersi di coesistere con un regime di tassi a zero perenni. Soprattutto quando la stessa esistenza del suo Governo dipende dall’appoggio dei falchi Liberali, ben più che dai già ridimensionati Verdi (Il Sussidiario.net)

Lo afferma il Codacons, che esprime preoccupazione per le stime rese note oggi dall’Istat. (codacons.it)

Disaster l’effetto che potrebbe generare questo azzardo; a sua volta contestato però da Dugger con M. Gli allarmi di maggiore intensità vengono ovviamente dall’America, dove negli Usa il tasso d’inflazione ha già raggiunto il 6,2% in novembre, con l’Unione Europea al 4,4% e il Regno Unito al 4,2%. (Il Fatto Quotidiano)

Lo afferma il Codacons, che esprime preoccupazione per le stime rese note oggi dall’Istat. (codacons.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr