Coronavirus, l’Ue dice sì alla Cina e ad altri 15 paesi per la riapertura delle frontiere. No agli Usa

Coronavirus, l’Ue dice sì alla Cina e ad altri 15 paesi per la riapertura delle frontiere. No agli Usa
La Stampa La Stampa (Esteri)

Nella lista c'è anche la Cina, ma solo a condizione che Pechino accetti i cittadini dell'UE nel suo territorio.

Come era prevedibile alla vigilia date le condizioni sanitarie, gli Stati Uniti, il paese più colpito dalla pandemia con 125.928 morti per quasi 2,6 milioni di casi, sono esclusi dall'elenco, che dovrebbe essere aggiornato ogni due settimane.

La notizia riportata su altri giornali

Coronavirus: l’Europa riapre a 15 nazioni, ma l’Italia frena. L’elenco mirava a raggiungere un coordinamento di massima tra partner dell’Unione, ovvero ad evitare l’apertura a paesi palesemente a rischio. (Positanonews)

I dati per nulla confortanti sulla pandemia e che provengono dal Paese hanno spinto i Paesi Schengen a sigillare i propri confini. Ad assumere la decisione i 27 stati membri con l’aggiunta di altri quattro Paesi che compongono lo spazio Schengen (Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein). (Corriere dell'Umbria)

Per adesso sono esclusi gli Usa, il Brasile, Israele, Arabia Saudita, Turchia e la Russia ma ogni 14 giorni si verificheranno le liste per vedere se ci saranno cambiamenti. La questione coronavirus sta ancora tenendo banco e se per i paesi Ue i confini sono stati riaperti c’è ancora molta incertezza per quelli extra Ue. (InvestireOggi.it)

editato in: da. A partire dal giorno 1 luglio 2020 l’Unione Europea riaprirà le sue frontiere esterne a 15 paesi terzi. Una scelta dettata dal timore di una nuova ondata di contagi importati da quelle Nazioni in cui il virus non sembra voler rallentare. (SiViaggia)

Con una significativa quota di fondi strutturali europei (Fesr, Fondo europeo di sviluppo regionale e Fse, Fondo sociale europeo). E si è fermata a 5 miliardi, di cui circa 3 nel Mezzogiorno, sommando gli importi dei due fondi strutturali europei. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti