Pronto il ricorso: EssilorLuxottica: «Multa dell'antitrust francese sproporzionata e priva di fondamento»

fashionmagazine.it ECONOMIA

Nel retail ottico opera con le insegne Sunglass Hut, LensCrafters e, dal 1° luglio 2021, GrandVision (con una partecipazione del 76,72%).

In EssilorLuxottica sono invece convinti di «aver sempre operato secondo i più elevati standard di compliance, sempre a supporto dei clienti, dei partner e dell'intero mercato».

La società esprime quindi il suo profondo disaccordo nei confronti della decisione dell'Autorità e ritiene che la sanzione sia «sproporzionata e priva di fondamento». (fashionmagazine.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Secondo l’Antitrust, queste pratiche scorrette sarebbero andate a minare i “grandi marchi nazionali” di ottica come Alain Afflelou, Krys, GrandVision o Optical Center. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato francese ha inflitto una sanzione di oltre 125 milioni di euro al produttore italiano di occhiali Luxottica (e primo fornitore mondiale), per aver “imposto” in Francia, “agli ottici, i prezzi al dettaglio e per aver impedito loro la vendita on line. (greenMe.it)

Il primo fornitore al mondo di occhiali, fondato da Leonardo Del Vecchio, ha ricevuto la sanzione per aver “imposto” agli ottici di “prezzi di vendita al dettaglio” e per “aver vietato di vendere su internet“. (Il Fatto Quotidiano)

Il primo per lo stesso motivo di Luxottica, il secondo per il solo divieto della vendita online. EssilorLuxottica si dice "convinta di aver sempre operato secondo i più elevati standard di compliance, sempre a supporto dei clienti, dei partner e dell'intero mercato" (Notizie - MSN Italia)

Luxottica. (Teleborsa)

L'autorità francese ha parlato nella sentenza di "pratiche anticoncorrenziali gravi" che hanno dato origine a "meccanismi di sorveglianza e ritorsione". Per questo, dice, presenterà ricorso, "sicura di poter dimostrare che la decisione è sbagliata dal punto di vista fattuale e da quello legale" (Investing.com)

EssilorLuxottica - si legge nella nota - "è convinta di aver sempre operato secondo i più elevati standard di compliance, sempre a supporto dei clienti, dei partner e dell'intero mercato". La Società - continua la nota - "esprime il suo profondo disaccordo nei confronti della decisione dell'Autorità e ritiene che la sanzione sia sproporzionata e priva di fondamento". (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr