Covid: Santa Croce Camerina zona rossa. Anche Ribera e Godrano

RagusaOggi INTERNO

Con la stessa ordinanza è stata disposta la prosecuzione dei controlli anti Covid per chi arriva nell’Isola

L’ordinanza entrerà in vigore dopodomani (9 aprile) e sarà valida fino al 22 aprile compreso.

Si tratta di Godrano, in provincia di Palermo, Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa e Ribera, in provincia di Agrigento.

Anche Ribera e Godrano. Condividi su:. Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha istituito tre nuove zone rosse in Sicilia (RagusaOggi)

Su altri giornali

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha istituito tre nuove zone rosse in Sicilia. Con la stessa ordinanza è stata disposta la prosecuzione dei controlli anti Covid per chi arriva nell’Isola. (Radio RTM Modica)

Il dato dei guariti è pari a 88 persone. Il dato dei ricoveri oggi per Coronavirus negli ospedali siciliani rispetto a ieri vede un incremento complessivo di 40 unità, così come riporta il bollettino quotidiano del Ministero della Salute. (RagusaNews)

Con la stessa ordinanza è stata disposta la prosecuzione dei controlli anti Covid per chi arriva nell'Isola Si tratta di Godrano, in provincia di Palermo, Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa e Ribera, in provincia di Agrigento (RagusaNews)

Musumeci conferma Ribera zona rossa fino al 22 aprile

Una campagna sperimentale di vaccinazione anti Covid sarà avviata all'interno delle imprese siciliane insediate nelle aree industriali di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. (AgrigentoNotizie)

– Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha istituito tre nuove zone rosse in Sicilia. Il provvedimento, che prevede anche la chiusura delle scuole, è stato richiesto dai sindaci delle città interessate e si è reso necessario a causa di un repentino aumento dei contagi registrati negli ultimi giorni, certificato dalle rispettive Asp. (Live Sicilia)

L’ordinanza entrerà in vigore dopodomani (9 aprile) e sarà valida fino al 22 aprile compreso. Il provvedimento, che prevede anche la chiusura delle scuole, è stato richiesto dai sindaci delle città interessate e si è reso necessario a causa di un repentino aumento dei contagi registrati negli ultimi giorni, certificato dalle rispettive Asp. (Risoluto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr