Titane, anzi, Titanic

Titane, anzi, Titanic
cinematografo.it CULTURA E SPETTACOLO

Non si uccidono così anche i festival?

Ma è solo la punta dell’iceberg che ha affondato il Titanic (ah, ah), ovvero un concorso già di suo mediocre: Spike Lee e accoliti hanno fatto sfaceli.

L'iceberg di Spike Lee e altri imbarazzi: sul palmares di Cannes 74. Sbagliato nei tempi e nei modi, ma ancor più nella sostanza.

Non si uccidono così anche i festival, per di più mediocri?

Il presidente di giuria Spike Lee, vai a sapere se incresciosamente o da finto tonto, ha iniziato la cerimonia di chiusura rivelando anzitempo la Palma d’Oro, a Titane di Julia Ducournau. (cinematografo.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Il presidente della Giuria del festival di Cannes, Spike Lee, si è lasciato sfuggire all'inizio della cerimonia di premiazione della 74edizione del festival che il film francese 'Titane' della regista francese Julia Ducournou ha vinto la Palma d'Oro. (AGI - Agenzia Italia)

La Camera d'oro, il premio alla miglior opera prima della selezione, va a "Murina" della regista croata Antoneta Alamat Kusijanovic. L'annuncio è stato dato in anticipo dal presidente di giuria Spike Lee, che ha spiazzato tutti con la sua gaffe. (Ticinonline)

Il premio per la migliore interpretazione maschile va all’attore texano Caleb Landry Jones per Nitram di Justin Kurzel. La migliore attrice è invece la norvegese Renate Reinsve per il film The Worst person in the world (Julie en 12 chapitres) di Joachim Trier (Ticinonews.ch)

Cannes, Palma d’oro a “Titane” di Doucournau: Spike Lee sbaglia tutto alla premiazione

Da non perdere di vista è anche la trentenne norvegese Renate Reinsve che - ironia della sorte - primeggia come migliore attrice con il film The worst person in the world (la peggiore persona al mondo). (Elle)

Qualche limite strutturale Titane lo mostra nello svolgere la propria trama; basta pensare a come il punto focale del film a cui il titolo fa riferimento venga poi affrontato e risolto sbrigativamente nell’ultima scena Titane è costato 6 milioni di euro ed è stato prodotto da Jean-Christophe Reymond, Jean Yves Rubin, Cssandre Warnauts, Oliver Père, Philippe Logie, Anne-Laure Declerck e Christophe Hollebek. (Metropolitan Magazine )

A fare notizia è però l’annuncio, dato per errore, del presidente della giuria Spike Lee che a inizio cerimonia ha rivelato la vittoria della Palma d’Oro per errore. Il miglior regista è Leos Carax per Annette. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr