Alcune grotte lunari hanno temperature che le rendono abitabili

Alcune grotte lunari hanno temperature che le rendono abitabili
Galileo SCIENZA E TECNOLOGIA

Dunque, le regioni in ombra di queste grotte sarebbero adatte per costruire delle basi, per coltivare di cibo, e per ospitare serbatoi di ossigeno per gli astronauti

Un giorno (o una notte) lunare dura circa 15 giorni e raggiunge, nelle regioni equatoriali, temperature estremamente calde, fino a 106 gradi centigradi (o fredde, fino a -183 gradi circa).

Due di questi hanno sporgenze visibili che, secondo le analisi dei ricercatori, conducono a una sorta di grotta o di vuoto. (Galileo)

Ne parlano anche altre testate

Sin dal primo sbarco sulla Luna, si sogna di poter costruire un insediamento o almeno una base di ricerca sul nostro satellite naturale – e magari di viverci in modo permanente. Le fosse e le grotte offrirebbero anche una maggiore protezione dalle radiazioni cosmiche e dai piccoli meteoriti. (Le Scienze)

La presenza di umani in Italia molto prima che comparissero i primi Homo sapiens viene confermata. Il sito Grotta Romanelli è un importante giacimento archeologico e fossilifero del Paleolitico italiano che rappresenta da oltre un secolo un riferimento internazionale per lo studio della preistoria. (Torino Top News)

Dunque, le regioni in ombra di queste grotte sarebbero adatte per costruire delle basi, per coltivare di cibo, e per ospitare serbatoi di ossigeno per gli astronauti (Wired Italia)

Ok, abbiamo trovato delle caverne sulla Luna in cui si può vivere

I pozzi lunari hanno immediatamente destato l’attenzione degli scienziati fin dal momento della loro scoperta, avvenuta nel 2009 attraverso le osservazioni dell’orbiter Selene dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa. (Media Inaf)

Parliamo di cavità che arrivano nelle profondità, dei pozzi oscuri riparati dall'esposizione diretta al Sole o al gelo del non-Sole. This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. (Esquire Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr