Suor Lina: «Per mesi vidi la sagoma della Concordia»

Avvenire INTERNO

«Ogni giorno, appena alzata, aprivo la finestra e mi trovavo davanti la sagoma della Concordia adagiata nel nostro mare.

Molti li mettemmo a letto, compresa la mia branda e quelle di suor Maria e suor Wilma, consorelle filippine che allora erano qui.

Però tanti anni dopo, quando c’è stato il naufragio della Concordia, ho vissuto un altro dramma, ancora più forte se possibile».

E quando, qualche anno fa, sono tornati a trovarmi alcuni di quei bambini, nel frattempo diventati grandicelli, mi sono commossa». (Avvenire)

Ne parlano anche altre testate

Un’altra lezione che abbiamo imparato è dal punto di vista tecnico: c’erano 4200 persone a bordo della Concordia in difficoltà contro le 800 persone dell’isola disposti ad acccoglierli Circostanza che determina la necessità di abbandonare la nave, perché con 3 compartimenti contigui allagati la nave sta affondando. (LA NAZIONE)

Il giorno del naufragio al largo dell'Isola del Giglio, il cameriere Russel Rebello era di riposo perché non si sentiva bene. Ma, come racconta il fratello Kevin a Sky TG24, al momento della tragedia "si è messo ad aiutare le altre persone a salire sulle scialuppe, a salvarsi". (Sky Tg24 )

Quando finalmente trovammo la nave, però, ci fu dichiarato di un banale blackout, che ai nostri occhi non giustificava il fatto che la roba cadesse dal tavolo. Quando vanno via tutti proviamo e proviamo a chiamarli via telefono e solo dopo diversi tentativi ci viene detto che il comandante coordinava i soccorsi dalle scialuppe (ilGiornale.it)

Ma non che le stia ascoltando ma che qualcuno – vale a dire Schettino – risponda a quel modo a un signore che, seppi in quel momento, si chiamava Gregorio De Falco Poi ho fatto la cosa più ovvia, quella che tutti avrebbero fatto: l’ho inserita nel computer. (Corriere Fiorentino)

Il primo cittadino sta pianificando quella che dovrà essere una commemorazione,. Il primo cittadino sta pianificando quella che dovrà essere una commemorazione, per il decimo anno dalla tragedia, sobria e che dia lo spunto affinchè un incidente del genere non capiti più (LA NAZIONE)

In occasione del decennale del naufragio della Costa Concordia il Tribunale di Grosseto organizza la giornata commemorativa: "Per non dimenticare". Questa inizierà alle 9 con l’esecuzione dell’Inno Nazionale a cui seguirà la ricostruzione del naufragio della Costa Concordia e dei soccorsi effettuati dalla popolazione del Giglio nei confronti dei naufraghi. (La Nazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr