Seattle, sparatoria nella zona occupata dai manifestanti per i diritti degli afroamericani: ucciso un 16enne,…

Seattle, sparatoria nella zona occupata dai manifestanti per i diritti degli afroamericani: ucciso un 16enne,…
Il Fatto Quotidiano Il Fatto Quotidiano (Interno)

La sicurezza della zona è gestita in autonomia dai manifestanti pacifici, ma negli ultimi 10 giorni vi si sono verificate quattro sparatorie.

Si tratta della quarta sparatoria negli ultimi dieci giorni in quella che era al’inizio una zona presidiata da manifestanti pacifici, ma che con il passare del tempo è sfuggita al controllo delle autorità.

Su altre fonti

La registrazione è gratuita e ti consente la lettura di n. 3 articoli ogni 7 giorni. Non hai ancora un account? recuperali. (Il Manifesto)

Roma, 30 giu – La quarta sparatoria in dieci giorni nella comune antifascista Chop di Seattle è finita letteralmente nel sangue. Un ragazzo di 16 anni è stato ucciso e un altro di 14 è rimasto gravemente ferito, ricoverato in terapia intensiva. (Il Primato Nazionale)

Sarebbero stati avvistati veicoli con all'interno persone armate ma fino ad ora non ci sono state violenze. Ci sono tensioni, coi dimostranti che hanno alzato barricate proprio di fronte all'ex caserma della polizia. (La Repubblica)

Si tratta di un adolescente, un 16enne appena, colpito da un proiettile nello scontro. Nuova sparatoria a Seattle, morto un 16enne. La tragedia si è consumata presso la cosiddetta “Chop zone”, dove il gruppo si era riunito per alzare di nuovo la voce dopo quanto di sconcertante è avvenuto lo scorso 25 maggio. (Inews24)

Afp. Un ragazzo di 16 anni è rimasto ucciso ed un altro di 14 gravemente ferito in una sparatoria avvenuta nella 'zona autonoma' di Seattle, l'area della città occupata dai manifestanti antirazzisti, nella quale non è consentito l'ingresso alla polizia. (Adnkronos)

Altra sparatoria a Seattle nella zona scelta dai manifestanti per protestare per l’omicidio di George Floyd: un ragazzo è morto, un altro è grave. Non c’è pace a Seattle, nella Chop Zone, area scelta dai manifestanti per protestare per la morte di George Floyd. (BlogLive.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr