Caso Fedez, nuove parole contro la Rai: “Telefonata agli organi competenti”

Caso Fedez, nuove parole contro la Rai: “Telefonata agli organi competenti”
BlogLive.it CULTURA E SPETTACOLO

Arrivano nuove dichiarazioni da parte del cantante. Fedez e la bufera scoppiata in occasione del concerto del primo maggio.

LEGGI ANCHE > > > Concertone, bufera Fedez: il rapper contro la censura Rai.

In una seconda storia apparsa pochi minuti dopo scrive, infatti: “Grazie a tutti i tecnici Rai e i lavoratori che ieri hanno reso possibile farci tornare a respirare un po’ di normalità.

Il caso legato a Fedez e al concertone del primo maggio infiamma la bufera contro la Rai che avrebbe voluto censurare il discorso politico dell’artista. (BlogLive.it)

La notizia riportata su altre testate

e Colapesce e Dimartino, che pure fanno partire qualche urletto dalla platea e, oltre a Musica leggerissima, da Milano spediscono un’elegante Nati per vivere. Da un’accusa di censura, da una rara (per i colleghi) presa di posizione, da un’altra polemica da mettere negli almanacchi. (Rolling Stone Italia)

Ilaria Capitani, vicedirettrice di Rai 3, è la protagonista della telefonata registrata da Fedez e pubblicata sui suoi canali Fedez. Chi è Ilaria Capitani, vice direttore di Rai3. Ilaria Capitani è una giornalista politica e sportiva, oggi vice direttore di Rai 3 (Younipa - il blog dell'Università degli Studi di Palermo)

Fedez, l'intemerata del Cyrano del Concertone

Filmato in cui sono stati operati dei tagli – come chiarisce la Rai in una nota – prima che venisse pubblicato dallo stesso Fedez. Ecco cosa ha detto veramente la vicedirettrice di Rai3. “Mi scusi Fedez, sono Ilaria Capitani, vicedirettrice di Rai3, la Rai non ha proprio alcuna censura da fare. (Il Primato Nazionale)

Si è esposto Fedez, parlando di avvisi preventivi da una vicedirettrice Rai, smentiti dall'azienda ma confermati da Fedez con un video della telefonata, registrata chiaramente, pubblicato online. A Federico tremava la mano in cui teneva il foglio. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr