Ecco come è fatto il powertrain ibrido di Stellantis montato su Alfa, Fiat e Jeep

La Stampa ECONOMIA

Il secondo aspetto è fondamentale, perché al contrario di quanto accade nei “full hybrid” il propulsore a benzina non genera mai corrente per gli accumulatori

Invece, tutte le volte che si preme quello del freno, il motore elettrico recupera energia e la invia alla batteria.

Definizioni che peraltro sono solo commerciali, visto che sulla carta di circolazione questi due sistemi ibridi sono definiti allo stesso modo. (La Stampa)

Su altre fonti

Né “mild” né “full”. Poi ci sono lo starter-generatore BSG, l’impianto elettrico a 48 Volt e la batteria agli ioni di litio da 0,8 kWh. (ClubAlfa.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr