Ferrari F50 GT, una regina senza trono: eccola in pista [Video]

Ferrari F50 GT, una regina senza trono: eccola in pista [Video]
Autoblog.it SCIENZA E TECNOLOGIA

La Ferrari F50 GT fu gestita al meglio anche sul fronte del contenimento dei pesi.

Ovvia la scelta, come base di lavoro, della Ferrari F50, supercar da sogno strettamente imparentata con le monoposto di Formula 1.

La Ferrari F50 GT nacque per le corse, ma questa sua vocazione non prese mai forma, anche se il modello aveva raggiunto un livello di sviluppo adeguato.

A quel punto la Ferrari F50 GT divenne come un pesce fuor d’acqua

Ferrari F50 GT: un progetto di qualità. (Autoblog.it)

La notizia riportata su altri media

Tuttavia, in quell’edizione corse ovviamente la vettura del momento, la F2012, sicuramente monoposto migliore dal punto dei vista della competitività. (immagini gentile concessione di RM Sotheby’s) (FormulaPassion.it)

In vendita una Ferrari 599 GTO, uno dei pochi esemplari e essere arrivati in America. Potrebbe interessarti > > > L’auto più iconica degli anni ’90: Fiat Panda e le “notti magiche”. Ferrari 599 GTO, caratteristiche. (QuattroMania)

Colonnello Hoare: Ferrari in UK. La struttura di vendita Ferrari creata ad Egham dal colonnello Hoare. Se il rapporto tra la Ferrari e il Regno Unito è così forte, pur in presenza di grandi rivalità in pista con alcuni marchi locali, buona parte del merito va ascritta al colonnello Ronnie Hoare, noto anche come il mister Ferrari della Gran Bretagna L’affermazione globale del marchio, però, passò da altri nomi: quelli degli importatori più famosi, con sede negli Stati Uniti, in Belgio e nel Regno Unito, dove oggi la Ferrari ha delle filiali dirette. (ClubAlfa.it)

Ferrari non è per tutti: a Maranello esiste una black list di clienti indesiderati | Ecco chi sono

Fondata nel 1842, Riva era già il primo costruttore di barche al mondo quando Enzo Ferrari iniziò a produrre i propri veicoli. L’eredità della Ferrari risale a Enzo Ferrari che fondò l’azienda nel 1939 e che è in costante aumento fino al dominio dei veicoli di lusso ad alte prestazioni per tutto il 20 ° secolo. (QuattroMania)

A bordo troviamo la strumentazione tipica di una Ferrari del tempo, mix efficace tra estetica e funzionalità, mentre gli altri accessori sono essenziali e mai superflui Due anni dopo prese vita il Riva Ferrari 32, curato dall’allora dopo dei Cantieri Riva Gino Gervasoni in collaborazione con Maranello. (Auto.it)

La casa del cavallino rampante però rimane molto esclusiva e soprattutto estremamente selettiva con i suoi clienti: esiste una lista in aggiornamento che contiene i clienti “sgraditi” alla casa di Maranello. (QuattroMania)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr