Aou Sassari – «Un audit interno per fare chiarezza»

Aou Sassari – «Un audit interno per fare chiarezza»
Sardegna Reporter INTERNO

«La direzione strategica ha richiesto alle strutture aziendali di riferimento l’avvio di un audit interno con tutti i soggetti interessati perché si possa fare chiarezza su quanto sia effettivamente avvenuto».

Intervento della direzione strategica dell'Aou di Sassari sulla vicenda della donna che ha dichiarato di aver avuto un aborto spontaneo nei parcheggi dopo essersi recata al pronto soccorso dell'Ostetricia. (Sardegna Reporter)

Se ne è parlato anche su altri giornali

La diagnosi da infezione da Sars-Cov-2 è dunque occasionale Uno su tre, dunque, sia pur con infezione accertata al virus Sars-Cov-2, viene ospedalizzato per curare tutt’altro: traumi, infarti, emorragie, scompensi, tumori. (MiglioVerde)

Secondo l’analisi approfondita dei dati, la stragrande maggioranza, il 36%, secondo lo studio, del totale dei ricoverati positivi ma senza sintomi respiratori, si tratta di donne in gravidanza che necessitano di assistenza ostetrica e ginecologica. (VideoAndria.com)

In tutto sono stati analizzati 550 pazienti ricoverati nelle aree Covid dei sei ospedali: un campione pari al 4% del totale dei ricoverati negli ospedali italiani. (Servizio Informazione Religiosa)

Ricoverati per altre malattie ma positivi al Covid: negli ospedali asintomatico un paziente su tre

Inoltre, i pazienti ricoverati per covid sono molto più anziani, con un'età di 69 anni, mentre i contagiati privi di sintomi e ricoverati per altre patologie hanno in media 56 anni. Il campione analizzato è comunque ristretto e fotografa soltanto il 4% del totale dei ricoverati negli ospedali italiani. (GenovaToday)

Un dato che era stato già evidenziato dal Direttore Generale dell’Azienda Moscati, Renato Pizzuti, e che viene confermato anche dalle caratteristiche anamnestiche dei pazienti positivi attualmente ricoverati. (Canale 58)

Si tratta di soggetti ricoverati per curare patologie differenti dal Covid ma che in fase di pre-ricovero o degenza sono poi risultati positivi al tampone. A essere oggetto di analisi 550 ricoverati negli ospedali di Brescia, Genova, Bologna, Roma, Avellino e Bari (quotidianodipuglia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr