Superbonus, in Calabria record di richieste: sospetto di frodi ma la verità potrebbe essere un’altra

Superbonus, in Calabria record di richieste: sospetto di frodi ma la verità potrebbe essere un’altra
Il Reggino ECONOMIA

L’Upb ha confrontato la spesa media annua agevolata con il Superbonus che prevede detrazioni del 110% (cioè più della spesa realmente sostenuta), con la media annua dell’Ecobonus (varato nel 2019), la cui detrazione si ferma al 65%.

Anche se, come vedremo, c’è anche una risposta meno traumatica che può spiegare il fenomeno.

Istanze dieci volte maggiori a quelle per l’Ecobonus che però copriva solo il 65 per cento della spesa per lavori edili. (Il Reggino)

La notizia riportata su altri media

La proroga del Superbonus 110% prevista dalla legge di bilancio 2022, attualmente all’esame del Senato, è “una scelta coerente” con la spinta che la misura ha dato all’economia, e con la stretta del cosiddetto decreto Antifrodi si possono pensare ad altri interventi più incisivi, ma la maxi detrazione è “molto onerosa” per i conti pubblici […]. (Qualenergia.it)

Bonus edilizi, oneri pari a 30,8 miliardi fino al 2036. Per questo motivo ha analizzato i. sull’effettivo utilizzo della misura: al 31 ottobre, gli interventi di efficientamento energetico hanno movimentato investimenti per oltre 9,7 miliardi di euro, cui corrispondono agevolazioni future per circa 10,7 miliardi di euro. (Edilportale.com)

hi c'è dietro ai 950 milioni di euro frodi legati ai bonus edilizi denunciati dal direttore dell'Agenzia delel Entrate Ernesto Maria Ruffini? (La Repubblica)

Lo studio - Superbonus, in Calabria record di richieste: sospetto di frodi ma la verità potrebbe essere un’altra

Le due cose devono andare insieme, al livello attuale e' difficile riuscire a farle andare insieme. Inoltre, secondo la Corte dei Conti, "sarebbe necessario rendere più intensa l`azione che l`Ispettorato nazionale del lavoro ha recentemente avviato, attivando una campagna straordinaria di vigilanza nel settore dell`edilizia" (Italia Oggi)

Comunque, nei giorni scorsi il Governo è corso ai ripari, varando nuove norme che rendono più stringenti controlli e parametri di accesso all’agevolazione Anche se, come vedremo, c'è anche una risposta meno traumatica che può spiegare il fenomeno. (LaC news24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr