Orari di Volotea, buoni i primi 10 giorni di continuità: "Puntuale il 95% dei voli"

YouTG.net ECONOMIA

“Siamo estremamente orgogliosi dei nostri primi 10 giorni di voli in Sardegna", afferma o Carlos Munoz, Presidente e Fondatore di Volotea, "Abbiamo dato prova di essere una compagnia attenta e puntuale, operando tutti i collegamenti come da programma.

Nei primi 10 giorni di voli, la low cost ha operato in orario la stragrande maggioranza dei suoi collegamenti, raggiungendo un tasso di puntualità pari al 95% negli scali di Cagliari, Alghero e Olbia (YouTG.net)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Il vettore low cost spagnolo aveva deciso di ricorrere ai giudici amministrativi dopo che stato escluso dal bando per la mancanza di alcuni requisiti formali ritenuti fondamentali dalla commissione di gara (documenti). (La Nuova Sardegna)

Tre i ricorsi totali presentati dalle due compagnie, uno per ciascuna delle rotte messe a bando. Rotte che sono state poi assegnate a Volotea, ma tramite procedura negoziata (L'Unione Sarda.it)

Non potevamo sperare in un avvio migliore e crediamo che la nostra offerta di voli comodi possa rispondere al meglio alle esigenze di viaggio degli abitanti dell'isola "Siamo estremamente orgogliosi dei nostri primi dieci giorni di voli in Sardegna (L'Unione Sarda.it)

Simulazione di una prenotazione di un volo in continuità territoriale dal sito di Volotea. Meno voli equivalgono a meno persone, meno persone equivalgono a meno lavoro, meno lavoro equivale a minori opportunità e meno reddito (SardiniaPost)

Niente di strano, perlomeno fino a quando Volotea non ha esordito sulla continuità territoriale della Sardegna. Un avvento improvviso che ha costretto la compagnia spagnola a rivedere alcuni passaggi e ad aggiungerne altri. (La Nuova Sardegna)

Una volta cliccato, Volotea propone la scelta del posto, l’imbarco prioritario, il bagaglio extra, l’assicurazione, il check-in e perfino gli snack Il sito internet un classico delle low cost: diverse rotte, pochi fronzoli, troppi sovrapprezzi. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr