Covid ad Alessandria, muore il medico Ziad: aveva 68 anni, lascia moglie e due figli

Covid ad Alessandria, muore il medico Ziad: aveva 68 anni, lascia moglie e due figli
ilmessaggero.it INTERNO

Ziad Zawaideh, medico di medicina generale, in pensione, ma ancora in attività come cardiologo, è l'ultima vittima ricordata nell«elenco cadutì aggiornato dalla Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri.

Ziad Zawaideh per tanti anni è stato il medico di base di Tagliolo - scrive Il Piccolo - fondamentale per impegno e dedizione proprio nelle prime fasi dell'emergenza sanitaria non ancora superata

Molti. (ilmessaggero.it)

Su altre fonti

Il tasso di positività al Covid in Israele è sceso allo 0,1%. Lo ha comunicato il ministero della salute specificando che si tratta della percentuale più bassa da quando è stata dichiarata la pandemia. (Corriere della Sera)

L’ha fatto in India, con la terribile recrudescenza di queste ultime settimane. L’ha fatto in Florida, diffondendosi come mai prima in spregio a chi diceva che si sarebbe depotenziato col caldo e la vita all’aria aperta. (Fanpage.it)

Tra di loro nelle ultime ore c’è anche Ziad Zawaideh, medico di un comune della provincia di Alessandria molto noto in città e apprezzato dai suoi pazienti, scomparso a 68 anni per Covid. Oltre alla moglie Enrica, Ziad lascia anche i figli Camilla e Jeries, entrambi medici. (NewNotizie)

Investirono i risparmi in un nuovo locale poco prima della pandemia: "Mesi infernali"

Giustino muore a 52 anni: stroncato. PUGLIA Covid a Lecce, contagiato in ospedale durante un controllo al cuore:. UMBRIA Stefano Brando, il medico morto di Covid: i risultati. «Ho dolori e febbre». Ziad aveva 68 anni (ilmattino.it)

Scendono, ma molto lentamente, i contagi da Covid-19 sul territorio comunale di Cesenatico. Un dato che consiglia prudenza perché, a questo punto, con la campagna vaccinale avviata, ci si aspettava una regressione dei contagi molto più rapida (Livingcesenatico)

Abbiamo comprato i muri, qui a Gariga, per non pagare più l’affitto e invece ci siamo trovati con i debiti”. E’ la disavventura che raccontano Gianpiero Rigollli, Piera e il figlio Roberto, titolari della storica trattoria “Regina” di Quarto. (Libertà)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr