NVIDIA getta la spugna sull'acquisizione di ARM

TuttoTech.net ECONOMIA

Il processo di acquisizione di ARM da parte di Nvidia iniziato quasi due anni fa subisce un’altra frenata e l’affare da oltre 40 miliardi di dollari sembra avviarsi verso l’ennesima fumata nera.

Per ora Nvidia e SoftBank stanno pubblicamente spingendo affinché l’affare vada in porto, ma l’accordo tra le due società sembra ormai poco più che un miraggio

L’accordo è da tempo ostacolato dalle autorità di regolamentazione della concorrenza e da questioni geopolitiche, e ora le due società sembrano di nuovo in stallo. (TuttoTech.net)

Su altre fonti

Dall’annuncio dell’accordo, Nvidia, ARM e Softbank hanno dovuto affrontare un maggiore controllo da più parti. Il produttore di chip grafici Nvidia potrebbe essere vicino a rinunciare all’acquisizione di ARM, per via di progressi lenti e contraccolpi del settore che rendono difficile il completamento dell’accordo da 40 miliardi di dollari. (macitynet.it)

La difficoltà più grande è stata tuttavia ottenere un'approvazione dell'acquisizione: è lì che si è giocata la partita ppiù importante e sembrerebbe che non sia stata in grado di raggiungere l'obiettivo che si era prefissata. (Multiplayer.it)

Detto questo, sicuramente aveva fatto lo stesso anche NVIDIA prima di lanciarsi nell'acquisizione di ARM e tutti abbiamo visto com'è andata a finire Parliamo ovviamente dell'acquisizione di ARM da parte di NVIDIA, che pare essere saltata. (Multiplayer.it)

Nvidia aveva preventivato 18 mesi per la chiusura dell’acquisizione, ma visto come stanno andando le cose, sembra davvero improbabile accada L’accordo tra le parti scadrà il 13 settembre 2022, ma verrà rinnovato automaticamente se il processo d’approvazione dovesse prolungarsi. (Tom's Hardware Italia)

Leggi anche: WallStreetBets, Nvidia resta il titolo più discusso. Movimento dei prezzi di NVDA Nelle ultime 52 settimane le azioni Nvidia hanno scambiato fra un minimo di 115,66 dollari e un massimo di 346,47 dollari. (Investing.com)

Ora Nvidia ha deciso di rinunciare all'acquisizione, secondo fonti ascoltate da Bloomberg. (DDay.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr